Pininfarina HIT: la Delta Integrale compatta e in carbonio

Pesa 980 chili dopo la dieta a materiali compositi ultraleggeri

Pininfarina HIT

Stop and Rewind. La prima Lancia Delta è opera di Giorgietto Giugiaro. Consacratasi soprattutto per via delle vittorie centrate nei rally con la Integrale. Ai più sfugge però che Pininfarina tentò di “riesumarla” con un prototipo costruito su base Lancia Delta HF Integrale, la Pininfarina HIT. A Torino si misero all’opera per sfruttare il vasto know-how accumulato in termini di materiali compositi e fibra di carbonio. Applicati, sotto i 4 metri di lunghezza, ad una vettura compatta.

Pininfarina HIT: gli occhi parlano come nessun’altra

HIT come High Italian Technology. Presentata in anteprima al Salone di Torino 1988, era una accattivante, e al passo coi tempi, berlina/coupé 2+2 a due porte. La carrozzeria, in fibra di vetro, sfoderava paraurti integrati e gruppi ottici innovativi: davanti piccoli e poliellissoidali (riproposti l’anno dopo sull’Alfa Romeo SZ), dietro nascosti sotto il vetro del lunotto. Parti componenti in Nomex, fibra di carbonio e Kevlar adornano il telaio scatolato “a vasca”, in bella vista nei longheroni sottoporta.

Smaltisce 235 chili

Il frontale, affilato, sfoggia una mascherina Lancia sottile e stilizzata, mentre nel posteriore spiccano un grande montante posteriore e la coda arrotondata. Cerchi in lega a otto razze, con grafica bicolore perimetrale, aggiungono un tocco di eleganza. Grazie anche al peso di soli 980 kg (contro gli iniziali 1.215),il coefficiente di resistenza aerodinamico CX è di 0.33. L’abitacolo, minimalista, lascia parti del telaio a vista, ospita due sedili sportivi a guscio con cinture di sicurezza racing a quattro punti e altri due semplici posteriori. Abbina una strumentazione analogica annegata in pannello inclinato a comandi su grande console centrale. Meccanicamente sfrutta il 2.0 turbo della Lancia Delta Integrale 8V: produce 185 Cv a 5300 giri/min e 304 Nm di coppia motrice massima a 3500 giri/min. E una trazione integrale permanente su differenziale centrale e giunto viscoso Ferguson.

Come giudichi l'articolo?
[Totale: 0 Media: 0]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

1 × 4 =