Volkswagen Multivan: benzina, diesel o ibrida plug-in?

La proposta meccanica di Volkswagen Multivan è di due benzina, una diesel e una PHEV così da intercettare più esigenze

Il nuovo Volkswagen Multivan sfoggia un design fresco e moderno. Utilizza la piattaforma MQB della Volkswagen Golf per essere altrettanto capace e molto più tecnologico.

Con un massimo di sette posti e un’offerta meccanica che include un motore ibrido plug-in, il nuovo Multivan i posiziona ancora una volta come veicolo di trasporto passeggeri premium.

Volkswagen Multivan: design e interni

Con un design chiaramente ispirato al futuro ID.Buzz elettrico Volkswagen Multivan mantiene il suo design facilmente riconoscibile ma abbraccia una serie di nuovi elementi che lo rendono più moderno che mai.

La parte anteriore presenta un nuovo design dei fari e una griglia anteriore ridotta al minimo con una sottile striscia di luce che unisce i due fari. Alcuni fari a LED di serie e Matrix LED a richiesta. Dove troviamo un cambiamento importante è nella parte posteriore.

Per la prima volta nella storia del Multivan, la disposizione verticale dei conducenti viene abbandonata per estendersi ora orizzontalmente attraverso il portellone, conferendogli un aspetto più da minivan. All’interno ci sono anche delle modifiche perché non sarà più disponibile la panca posteriore con la possibilità del sistema Multiflex per fare un letto.

Troviamo cinque sedili singoli che aprono le porte a una maggiore modularità, più orientata alle famiglie e alle persone con uno stile di vita attivo che necessitano di una cabina configurabile o polivalente. Inoltre c’è un piccolo vano portaoggetti.

I sedili anteriori sono singoli e non c’è più la leva del cambio, ma un piccolo selettore già utilizzato in altri modelli del gruppo e che lascia uno spazio molto più pulito tra i sedili della prima fila.

Saranno due le lunghezze con 4,97 e 5,17 metri di lunghezza, crescendo di 124 mm rispetto al modello precedente. Questo ci lascia una cabina con una capacità di carico compresa tra 469 e 4.053 litri.

Anche la posizione di guida cambia radicalmente, abbracciando la digitalizzazione con uno schermo da 10 pollici al volante che simula di essere collegato a un altro schermo da 10,25 pollici per il sistema di infotainment.

Motori e prestazioni Volkswagen Multivan

La proposta meccanica al momento di Volkswagen Multivan è di due benzina, una diesel e una PHEV. La benzina è 1.5 TSI da 136 CV e 2.0 TSI da 204 CV mentre il diesel offre 150 CV. Da parte sua, l’ibrido plug-in combina un motore turbo benzina da 1,4 litri con 150 CV e un motore elettrico da 115 CV sull’asse anteriore.

La potenza combinata è di 218 CV e la durata della batteria di 13 kWh non è stata dichiarata. Tutti i motori utilizzeranno un cambio automatico DSG a sette rapporti, bypassando completamente i cambi manuali.

Per questa nuova generazione, il cambio piattaforma è particolarmente rappresentativo perché in questo modo il Multivan può abbracciare nuovi ausili alla guida, ponendosi all’avanguardia del segmento: adaptive cruise control, frenata automatica di emergenza, lane keeping assist, signal recognition, comunicazione Car2X e il sistema IQ.DRIVE Travel Assist per la guida semi-autonoma tra 0 e 210 chilometri orari.

Articolo precedenteFlotta aziendale di auto: come ridurre le spese di gestione
Prossimo articoloMG ZS EV: primo suv 100% elettrico dal convincente rapporto tra qualità e prezzo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here