Punti patente: quando e come si possono perdere

Nuove pene più aspre attendono gli automobilisti che nel 2019 non rispetteranno le regole imposte dal Codice della strada

patente a punti

I punti della patente si possono perdere in tutti casi già in vigore e disciplinati dalla normativa vigente, ma con la nuova legge che verrà approvata nel 2019 si prevedono importanti novità con conseguente inasprimento di pene e maggiore perdita di punti dalla patente stessa.

La decurtazione dei punti patente: penalità in vigore

La decurtazione dei punti dalla patente avviene quando l’automobilista incorre in violazioni che ne prevedono la perdita di punti, il punteggio decurtato è scritto sul verbale di contestazione e l’automobilista ne riceve comunicazione quando la decurtazione viene registrata presso l’archivio nazionale degli abilitati alla guida.

Le violazioni più gravi previste dal codice della strada punite con 10 punti di penalità sono il circolare in senso contrario in prossimità delle curve, in presenza di dossi, in condizioni di scarsa visibilità o su una strada divisa in due carreggiate, l’effettuare retromarcia in autostrada, l’effettuare sorpassi in situazioni gravi e pericolose, superare il limite di velocità di oltre 60 km/h, il guidare in autostrada o sulle strade extraurbane principali occupando le corsie di emergenza e d’immissione ed uscita fatti salvi i casi previsti dalla legge, guidare in stato di ebbrezza o in condizioni di alterazione fisica e psichica derivante dalla assunzione di sostanze stupefacenti, darsi alla fuga in caso di incidente provocato dal proprio comportamento alla guida e infine, circolare con il veicolo privo di cronotachigrafo o con quest’ultimo manomesso.

Altri casi di penalità che comportano la decurtazione dei punti dalla patente sono la mancata precedenza ai pedoni (-8 punti), la mancata osservanza dello stop (-6 punti), il mancato rispetto delle regole di sorpasso (-5 punti), il non occupare la corsia più libera a destra (-4 punti), usare i fari abbaglianti in condizioni non permesse (-3 punti), il mancato rispetto della segnaletica, eccezion fatta dei segnali di divieto di sosta e di fermata (-2 punti), l’uso improprio dei fari (-1 punto) e tutti gli altri casi previsti dalla tabella delle penalità. E’ bene ricordare che per le patenti rilasciate dopo il 2003 a soggetti che non abbiano già altre patenti, la decurtazione dei punti avviene in misura raddoppiata per ogni violazione se quest’ultima è stata commessa nei primi tre anni dalla data di rilascio.

Patente a punti: le novità del 2019

Le novità che verranno approvate a fine del 2019 in materia di patente a punti andranno ad integrare quelle già previste dalla tabella delle penalità e aggiungeranno nuovi casi di infrazione o comportamento non corretto da parte dell’automobilista, la novità più significativa riguarda la perdita di 5 punti dalla patente (10 punti in caso di neopatentati) nel caso in cui venga guidata un auto sprovvista di assicurazione ovvero senza aver sottoscritto alcuna polizza assicurativa ma si pensa che possano essere inasprite o addirittura raddoppiate anche le pene derivanti da manovre azzardate in particolari condizioni di rischio.

Come giudichi l'articolo?
[Totale: 0 Media: 0]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

4 × cinque =