Auto diesel usate 2024, quali comprare

Andiamo alla ricerca dei modelli diesel che potrebbero fare la differenza nel mercato dell'usato in quanto ancora moderni e competitivi

Il 2024 potrebbe essere l’anno del calo dei prezzi delle vetture nel mercato dell’usato. Anche per i veicoli alimentati a gasolio. Secondo il 61,1% dei 5.112 concessionari europei specializzati nella vendita di auto usate che hanno partecipato a un sondaggio promosso da Auto1, questa è un’ipotesi molto probabile, con prospettive positive per l’intero settore. Concentriamoci però su un aspetto ovvero quali sono i modelli da segnare in agenda.

Fiat 500X

Fiat 500X è una crossover compatta caratterizzata da un design distintivo, con linee arrotondate e originali. Con una lunghezza inferiore ai 430 cm, si rivela particolarmente adatta all’uso cittadino grazie alle sue dimensioni contenute. L’abitacolo della vettura offre un ambiente piacevole e generalmente ben rifinito, sebbene si possano riscontrare alcune plastiche che potrebbero non essere all’altezza del prezzo della vettura, soprattutto nei pannelli delle porte.

La posizione di guida, seppur rialzata, garantisce il comfort tipico di una berlina, mentre l’abitabilità generosa consente a tre passeggeri di viaggiare comodamente nel divano posteriore. Tra i vantaggi della Fiat 500X troviamo le buone finiture e la stabilità di guida, mentre tra gli svantaggi si segnalano il baule di dimensioni ridotte e la limitata adattabilità a percorsi sconnessi. Da 25.000 euro.

Volvo XC60

Volvo XC60 è un suv di lusso che condivide molte caratteristiche meccaniche con la sua controparte più grande, la XC90. Questa condivisione implica un’eredità di pregio, come finiture di alta qualità, un abitacolo luminoso caratterizzato da un design minimalista, un elevato livello di comfort di guida e una vasta gamma di sistemi di sicurezza avanzati.

Anche nella sua versione base, Volvo XC60 offre una serie di funzionalità di serie come la chiamata di emergenza e la frenata automatica d’emergenza, contribuendo così ad assicurare un elevato standard di sicurezza. Possibile integrare il sistema Pilot Assist, che unisce il cruise control adattativo al sistema di mantenimento attivo di corsia. Tra i vantaggi di questo modello si evidenziano l’insonorizzazione dell’abitacolo e le forme originali, mentre tra gli svantaggi si possono riscontrare le dimensioni ridotte del bagagliaio e alcuni comandi poco pratici. Da 54.000 euro.

Seat Leon

La quarta generazione della Seat Leon si distingue per un design moderno caratterizzato da linee sinuose e interni ricercati. Costruita sulla piattaforma MQB del gruppo Volkswagen e con un passo allungato rispetto alle versioni precedenti, la Leon offre spaziosità interna e un ampio bagagliaio, risultando così ideale per le esigenze quotidiane. Dotata di un avanzato corredo tecnologico, è equipaggiata con moderni sistemi di assistenza alla guida, un cruscotto digitale configurabile e un sofisticato sistema multimediale.

Grazie a queste caratteristiche, la Leon garantisce una guida sicura e fluida, offrendo una piacevole esperienza di guida sia in città che in autostrada. Tra i vantaggi di questo modello si evidenziano la sua completa dotazione tecnologica mentre tra gli svantaggi si possono riscontrare il climatizzatore non indipendente e un quinto posto scomodo. Da 24.000 euro.

Skoda Octavia

Skoda Octavia è una berlina medio-grande caratterizzata da spaziosità interna e un design sobrio ma elegante, frutto della condivisione della piattaforma MQB con altri modelli del gruppo Volkswagen. Questa auto combina superfici bombate e tagli netti, senza eccessivi fronzoli, mantenendo un profilo discreto senza cercare di attirare eccessivamente l’attenzione. La parte posteriore della vettura presenta un accenno di coda e un lunotto molto inclinato, il che si traduce in un ampio bagagliaio facilmente accessibile.

All’interno, Skoda Octavia offre molto spazio sia per i passeggeri che per i loro bagagli, consentendo a due adulti di sedersi comodamente anche nel sedile posteriore, sebbene la presenza del tunnel centrale possa limitare il comfort di una terza persona. La dotazione di accessori è ricca di soluzioni intelligenti, come numerose prese USB, scomparti portaoggetti e un porta ombrello nella porta del guidatore. Tra i vantaggi di questo modello spiccano la presenza di numerosi accessori e la spaziosità dell’abitacolo, mentre tra gli svantaggi si possono notare le bocchette del clima non indipendenti e un quinto posto meno comodo rispetto agli altri. Da 27.000 euro.

Jeep Renegade

Jeep Renegade, la più compatta tra i modelli offerti dalla casa automobilistica Jeep, è prodotta in Italia e condivide la sua base con Fiat 500X. Nonostante le sue dimensioni esterne compatte, questa vettura offre un abitacolo spazioso e ben realizzato. Il bagagliaio, sebbene non sia particolarmente grande con il divano in posizione d’uso, ha una capacità di 351 litri, che può aumentare fino a 1.297 litri con il divano ribaltato.

L’indole fuoristradistica della Jeep Renegade varia a seconda della versione. Le varianti a trazione anteriore sono più orientate verso l’utilizzo su strada, mentre le versioni ibride 4xe offrono una maggiore versatilità grazie al motore elettrico posteriore da 61 CV, che permette una trazione integrale. Tra i vantaggi spiccano un abitacolo arioso e una buona posizione di guida, mentre tra gli svantaggi si possono segnalare un bagagliaio relativamente piccolo e una visibilità posteriore limitata. Da 28.000 euro.

Articolo precedenteMercedes CLE Coupè, la prova su strada della sportiva dalla potenza esagerata
Prossimo articoloBatteria auto: le buone pratiche per allungare la durata