Guida autonoma: giovani restii al cambiamento

E' quanto certifica una ricerca della Mazda.

Guida autonoma

Entro qualche anno la guida autonoma diverrà realtà. Per ora però permangono dubbi sulla rivoluzione in atto. Lo rivela uno studio Mazda.

Guida autonoma: i ragazzi la vedono di cattivo occhio

Ipsos, ascoltati 11,008 automobilisti europei, svela che il 66% preferisce non delegare il controllo del veicolo ad un cervello elettronico. La percentuale più alta, del 71%, è stata raggiunta in Germania, Austria, Polonia e nel Regno Unito. Italiani più fiduciosi, dove si attesta sul 60%. Appena il 33% approva i progressi compiuti nel campo, col punto più basso toccato in Francia e Olanda (25%), seguita dal Regno Unito (29%). Riluttanti ad accettare il cambiamento sono incredibilmente i ragazzi dai 18 ai 24 anni (33%), anche se di poco rispetto alle fasce d’età 25-34 anni (36%) e 35-44 anni (34%).

Guida autonoma: rovinerebbe un piacere

In media il 69% dei guidatori “spera che le future generazioni possano continuare ad avere la possibilità di guidare auto”. Dato ancora più alto in Polonia (74%), oltre che nel Regno Unito, Germania, Francia e Svezia (70% o oltre). Agli occhi del 36% guidare è “un’estensione della propria personalità”, percentuale che sale in Polonia in Polonia (56%) e Italia (46%). Il 54% confessa che talvolta si mettono al volante “per puro piacere”. Il 37% predilige guidare piuttosto che giocare ai videogames, il 23% a un drink in un bar o a fare sport e il 9% addirittura al sesso.

Guida autonoma: Mazda si oppone

Il CEO di Mazda Motor Europe Jeff Guyton ha dichiarato: “Come marca noi amiamo semplicemente guidare e questa ricerca dimostra molto chiaramente che un gran numero di guidatori europei sono d’accordo con noi. Certamente esiste un ruolo per le auto a guida autonoma, ma per noi e molti altri sembra che non ci sia nulla di comparabile al piacere fisico della guida. È per questo che in Mazda crediamo nel mettere il guidatore al centro di tutto ciò che facciamo ed è per questo che la nostra campagna ‘Drive Together’ si focalizza sul legame tra l’auto e il suo guidatore. Noi chiamiamo tutto ciò Jinba Ittai, espressione giapponese che descrive la perfetta armonia tra l’arciere e il suo cavallo. È questa filosofia umano-centrica che corrobora il nostro business e ci aiuta a creare auto che avvicinino il guidatore e il veicolo”.

Come giudichi l'articolo?
[Totale: 1 Media: 1]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

dodici − 1 =