Ferrari Conciso: la ‘Rossa’ non ufficiale da cinque zeri

All'asta RM Sothebys ha trovato un nuovo proprietario

Ferrari Conciso

Sentir parlare di barchetta, nella stretta accezione, suona così démodé e anacronistico che sembra di tornare indietro di secoli. Eppure, nel 1993 il (promesso) designer tedesco Bernd Michalak creò una Ferrari non-ufficiale unica, passata ai posteri come Michalak Conciso, ma anche come 328 Conciso e Ferrari Conciso. Senza tetto, né particolari fronzoli, era votata al massimo piacere di guida.

Ferrari Conciso: si separa dalla 328 GTS

Presentata al Salone di Francoforte, della originale 328 GTS conserva soltanto il telaio, le sospensioni, e il motore V8 3.2 Quattrovalvole da 270 CV. Completamente rivisto il design firmato Pininfarina, sostituito da un guscio in alluminio senza portiere e con abitacolo interamente scoperto. Di dirimpetto ai due sedili avvolgenti un inedito parabrezza, basso e avvolgente. Che raggiunge le fiancate. Lo spazio interno è pensato per ospitare due caschi, accessorio fondamentale per salirci a bordo.

Guai a chi la tocca

Paragonata alla 328 GTS la Michalak Conciso pesa il 30% in meno, ossia 900 kg. Con evidenti vantaggi sul piano delle prestazioni: velocità massima di 278 km/h, spunto 0-100 orari in 5 secondi precisi precisi. I programmi, sfortunatamente, si arenano alla one-off. Dopo essere stata acquistata da un appassionato americano, passa a un collezionista belga. Dove rimane gelosamente custodita. Macinati 9.700 km percorsi, viene proposta all’asta di Chantilly, nel settembre 2017, alla ragguardevole cifra di 115 mila euro. Con la ‘sorpresona’ finale: ritirata dalla collezione Bonhams per ragioni ignote.

Cambio proprietario

Per poi tornare, lo scorso 12 maggio, in vendita, alla prestigiosa asta di RM Sothebys nel Principato di Monaco, senza stavolta un prezzo di riserva. Accanto a vetture come la Lamborghini Huracan Papa Francesco. L’acquisto della Ferrari Conciso include anche i documenti di omologazione dell’auto, i vari accessori Michalak, le fotografie originali dell’auto e due elmetti da corsa. Battuta a 109.250 euro, il nuovo proprietario si è assicurato un pezzo di storia.

Come giudichi l'articolo?
[Totale: 0 Media: 0]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

quattro × due =