Tokyo Auto Salon 2024, scoppia la passione per il tuning

Toyota è stata la protagonista del Tokyo Auto Salon, presentando una serie di novità che hanno catturato l'attenzione del pubblico

tokyo salon 2024

L’edizione 2024 del Tokyo Auto Salon, tenutasi dal 12 al 14 gennaio nella capitale giapponese, ha registrato una partecipazione impressionante con oltre 230.000 visitatori, 378 espositori e quasi 900 vetture in mostra. Questo evento, dedicato al tuning automobilistico in tutte le sue sfaccettature, rappresenta un importante punto di riferimento nel panorama mondiale dell’elaborazione automobilistica.

Il Giappone è noto per la sua comunità di appassionati di tuning che gode di una popolarità considerevole e ha radici profonde nella cultura automobilistica del paese. La tradizione del tuning automobilistico in Giappone risale a diversi decenni fa, con la prima edizione del Tokyo Auto Salon che risale addirittura al 1982. Molte delle elaborazioni automobilistiche più estreme e fantasiose sono spesso realizzate direttamente dalle Case automobilistiche giapponesi, testimoniando l’abilità e la creatività del settore nel Paese del Sol Levante.

Le auto protagoniste del Tokyo Auto Salon 2024

Toyota è stata la protagonista del Tokyo Auto Salon, presentando una serie di novità che hanno catturato l’attenzione del pubblico. Tra queste, spicca l’evoluzione della GR Yaris, ora dotata di una potenza di 304 CV (280 CV per il mercato europeo), un cambio automatico a 8 rapporti sviluppato da Gazoo Racing e una plancia dal design retrò ispirata alle rallycar del passato. Lo stesso motore è stato adottato anche dalla LBX Morizo RR concept, un’anteprima della versione più estrema del piccolo suv Lexus, ideata personalmente dal presidente Akio Toyoda, noto anche per il suo passato coinvolgimento nelle competizioni automobilistiche sotto lo pseudonimo di Morizo Kinoshita.

Toyota ha anche presentato altre sportive di rilievo, tra cui la Lexus RZ 450e Special Edition in variante F SPORT Performance, prodotta in soli 100 esemplari per il mercato giapponese, e la versione elettrica evoluta della iconica AE86, famosa per l’anime “Initial D”.

Nissan ha esibito la versione Nismo del SUV elettrico Ariya, ottimizzata con l’esperienza acquisita dalla casa automobilistica nella Formula E, con una potenza incrementata fino a 320 kW (435 cavalli) e un sound simile a quello delle monoposto elettriche. La X-Trail Crawler Concept di Nissan, con la sua verniciatura rosa eccentrica, ha attirato l’attenzione come una visione audace e inarrestabile per l’offroad estremo.

Mazda ha presentato la Spirit Racing RS e la Spirit Racing 3, versioni concepite per la pista rispettivamente della spider MX-5 e della Mazda3, che potrebbero presto trasformarsi da concept in modelli di serie. Inoltre, Mazda ha annunciato la creazione di un team di ingegneri dedicato allo sviluppo di una nuova generazione di motori Wankel, sottolineando l’impegno continuo dell’azienda nell’innovazione tecnologica.

Nuovi marchi al Tokyo Auto Salon 2024

Oltre alle aziende automobilistiche giapponesi, anche Hyundai, azienda automobilistica sudcoreana, ha presentato una novità durante il Tokyo Auto Salon: il concept sportivo NPX1, basato sulla Ioniq 5 N, caratterizzato da una potenza di 478 kW (650 CV). Questo concept anticipa le componenti N Performance che saranno presto disponibili per personalizzare la hot hatch elettrica.

Tra i tuner indipendenti, spicca Liberty Walk, un’azienda giapponese specializzata nella creazione di bodykit estremi, con una particolare predilezione per le auto italiane. Dopo aver impressionato l’anno scorso con una reinterpretazione della Ferrari F40, questa volta hanno sottoposto la Lamborghini Countach alla loro rielaborazione.

Per coloro che non possono permettersi auto supersportive, Liberty Walk ha creato un kit per trasformare una keicar in una replica in scala ridotta della Ferrari F40.

Un’altra metamorfosi interessante è stata ideata da DAMD per la Suzuki Jimny, che con un kit può essere trasformata per assomigliare alle icone del rally come la Lancia Delta Integrale e la Renault 5 Turbo.

Il Tokyo Auto Salon è stato anche un’opportunità per i giovani appassionati di mostrare il proprio talento, come dimostrano gli studenti del Saitama Automobile College che hanno creato una spider Toyota basata sulla Mazda MX-5. Questo evento rappresenta la passione automobilistica in tutte le sue sfaccettature.

Articolo precedenteToyota Land Cruiser, così sorprende il nuovo fuoristrada
Prossimo articoloVolkswagen Golf 2024, restyling per design, motori e infotelematica