Volkswagen Golf 2024, restyling per design, motori e infotelematica

Cambiano il paraurti e i gruppi ottici, che sono Matrix Led sulle versioni top di gamma della Volkswagen Golf 2024

Volkswagen Golf 2024

Può sembrare incredibile, ma Volkswagen Golf celebra cinquant’anni di storia, confermandosi una delle vetture più longeve e simboliche di sempre. Con oltre 37 milioni di unità vendute, è anche uno dei modelli più amati in tutto il mondo. In occasione di questo importante anniversario, Volkswagen ha deciso di rinfrescare la gamma dell’ottava generazione della Golf, lanciata nel 2019.

Le novità del restyling di Volkswagen Golf 2024

Dal punto di vista estetico, i cambiamenti per Volkswagen Golf 2024 non sono stati eccessivamente radicali, ma sono stati effettuati interventi significativi soprattutto sulle luci, le quali sono state completamente rinnovate e ora utilizzano la tecnologia a Led.

Le versioni di punta della gamma includono anche fari a Led Matrix, i quali offrono una portata fino a 500 metri di distanza dal veicolo. Introdotta l’illuminazione del logo del Marchio al centro del frontale e ridisegnato il paraurti anteriore. La gamma di colori della carrozzeria si arricchisce di quattro nuove tonalità, mentre sono stati aggiunti cinque tipi di cerchi in lega con disegni differenti, fino a un diametro massimo di 19 pollici.

A livello tecnologico, debutta a bordo un sistema multimediale di quarta generazione per Volkswagen, denominato MIB4. Lo schermo touchscreen centrale è disponibile in due dimensioni, da 10,4 pollici oppure 12,9 pollici, a seconda del livello di allestimento. Il sistema di infotainment promette una maggiore facilità d’uso grazie a una nuova interfaccia grafica e una struttura delle pagine di accesso alle funzioni migliorata. Per semplificare l’utilizzo, sono presenti cursori fisici illuminati per la regolazione del volume e della temperatura dell’impianto di climatizzazione.

La strumentazione digitale si avvale di uno schermo da 10,2 pollici posto di fronte al guidatore, il quale può scegliere tra due diverse configurazioni grafiche di base tramite i tasti sul volante. Il volante multifunzione è stato ridisegnato e include un assistente vocale avanzato chiamato IDA, in grado di gestire diverse funzioni e fornire una vasta gamma di informazioni. Tra le opzioni disponibili, vi è la possibilità di equipaggiare il veicolo con un head-up display.lay

con proiezione sul parabrezza.

Versioni ibride, benzina e diesel per Volkswagen Golf 2024

Nell’ampia gamma delle versioni disponibili di Volkswagen Golf 2024, spiccano le ibride plug-in di seconda generazione, le quali tuttavia sono disponibili esclusivamente con la carrozzeria tradizionale della Golf e non nella configurazione station wagon Variant. Le due versioni offerte includono la eHybrid da 204 cavalli e la più sportiva GTE con ben 272 cavalli di potenza.

Entrambe sono equipaggiate con un motore TSI da 1,5 litri di cilindrata, abbinato a un cambio DSG a doppia frizione a sei marce. La capacità della batteria è stata incrementata a 19,7 kWh rispetto ai precedenti 10,6 kWh, consentendo un aumento dell’autonomia in modalità completamente elettrica fino a un raggio dichiarato di 100 km da parte di Volkswagen. Il tutto si traduce in un’autonomia complessiva che potrebbe raggiungere i 1.000 km. È stata inoltre migliorata la velocità di ricarica, sia dalle colonnine a corrente alternata sia da quelle rapide a corrente continua.

Un altro aggiornamento riguarda il sistema di parcheggio Assist Pro, che sulla Golf rinnovata consentirà di eseguire le manovre di parcheggio anche da remoto tramite smartphone. Grazie a questo sistema, è possibile parcheggiare in posizione parallela o perpendicolare alla strada. Per quanto riguarda gli allestimenti, in Italia sono previste tre varianti: Life, Style ed R-Line, oltre alle versioni sportive. Accanto alla classica GTI, è disponibile la GTE con propulsione ibrida plug-in, come già accennato. Per la prima volta, la Golf GTI può essere dotata di finiture interne in fibra di carbonio.

Articolo precedenteTokyo Auto Salon 2024, scoppia la passione per il tuning
Prossimo articoloAuto elettrica usata, conviene comprarla? Vantaggi e svantaggi