Bonus revisione auto 2024 per rimborso costi non confermato: cosa comporta

Il bonus revisione auto per rimborso costi è un'iniziativa statale che comporta un contributo di 9,95 euro

revisione auto truccata

Il bonus revisione auto per rimborso costi è un incentivo valido fino al 31 dicembre 2023 per compensare l’aumento dei costi associati alle revisioni dei veicoli. Questo rimborso è disponibile per i proprietari di veicoli soggetti a revisione e ammonta a 9,95 euro.

Questa agevolazione è destinata ai proprietari di autoveicoli con un peso massimo di 35 quintali, di motoveicoli, ciclomotori e minibus con una capacità massima di 15 posti, a condizione che abbiano eseguito la revisione nel periodo compreso tra il primo gennaio e il 31 dicembre 2023.

Bonus revisione auto per rimborso costi, che cosa è

Il bonus revisione auto per rimborso costi si sostanzia in un contributo di 9,95 euro per i proprietari di veicoli soggetti all’obbligo di revisione. L’obbligo è regolamentato dal Codice della strada, specificamente nell’articolo 80, comma 3: stabilisce che auto, moto, autoveicoli destinati al trasporto di merci o ad utilizzi speciali, con una massa complessiva a pieno carico non superiore a 3,5 tonnellate e autoveicoli ad uso misto devono essere revisionati entro quattro anni dalla loro prima immatricolazione e successivamente ogni due anni. La mancata conformità a tale obbligo comporta l’applicazione di sanzioni pecuniarie.

La revisione auto è fondamentale per valutare e garantire la sicurezza, l’efficienza e il corretto funzionamento del veicolo in circolazione. Sono esaminati vari aspetti, tra cui lo stato degli pneumatici, le condizioni della carrozzeria, l’operatività dei sistemi di frenata, l’efficienza dei dispositivi luminosi e del complesso elettrico, nonché il livello di emissioni dei gas di scarico.

Il costo della revisione può variare a seconda del luogo in cui viene effettuata. Nei centri di Motorizzazione, il costo è di 45 euro, mentre nelle officine private, tale importo sale a 79 euro.

Istruzioni per richiedere il bonus revisione auto

Già attiva la procedura di richiesta del bonus revisione auto per rimborso costi solo per le revisioni effettuate dal primo gennaio al 31 dicembre 2023.

Per richiedere tale beneficio, gli interessati devono presentare una richiesta tramite la piattaforma digitale dedicata. L’accesso è consentito esclusivamente mediante l’utilizzo dell’identità digitale Spid (livello 2), della Carta d’Identità Elettronica o della Carta Nazionale dei Servizi. La piattaforma è accessibile dal sito del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti o direttamente tramite il seguente indirizzo: www.bonusveicolisicuri.it.

Nel modulo di richiesta, è necessario fornire i seguenti dati: il numero di targa del veicolo oggetto alla revisione, il quale deve essere registrato a nome del richiedente del rimborso o della società qualora il richiedente sia un rappresentante autorizzato della stessa; la data di effettuazione della revisione; il codice Iban a cui verrà accreditato il rimborso; il nome e cognome dell’intestatario o dei cointestatari del conto corrente che deve corrispondere all’identità del richiedente o alla denominazione sociale della società; infine, l’indirizzo email per ricevere eventuali comunicazioni legate al processo di erogazione del rimborso.

A ciascun beneficiario registrato viene assegnato un numero di pratica nell’area riservata, utile in caso di necessità di assistenza.

Per determinare l’idoneità dei richiedenti al bonus revisione auto, il Mit, con il supporto della società informatica Sogei, conduce verifiche sul corretto inserimento dei dati personali e veicolari. Queste verifiche includono l’accesso all’anagrafe tributaria e al Centro di elaborazione dati della Direzione Generale della Motorizzazione Civile.

Qualora le verifiche siano superate con successo, la Consap, responsabile della gestione delle liquidazioni dei contributi richiesti, procede a effettuare il rimborso di 9,95 euro per ciascun veicolo sottoposto a revisione, accreditando tale importo sul conto corrente bancario fornito attraverso la piattaforma.

Articolo precedenteAuto elettrica usata, conviene comprarla? Vantaggi e svantaggi
Prossimo articoloRenault Captur 2024, le alternative per caratteristiche e prezzo