Climatizzatore auto non funziona: le possibili cause

Analizziamo ogni scenario, ammesso che il filtro abitacolo adempi correttamente alla specifica funzione

Climatizzatore auto

Caldo africano, estate italiana. Termometri che toccano punte di 35 gradi, umidità ‘bestiale’: che calvario, vivere in città. Supponiamo, poi, che ‘sfortuna’ voglia il climatizzatore auto dia fastidi. Filtro abitacolo ok, funziona correttamente. Andiamo a vedere quali potrebbero essere le cause.

Climatizzatore auto: aria ‘calda’

Caso numero 1: dal climatizzatore esce aria non sufficientemente fresca. Abitualmente, in officina controllerebbero la pressione, svuotando e riempiendo nuovamente il circuito. Peggio quando il gas nel sistema non viene trattenuto: significa che riporta delle perdite. Qualora la guarnizione dell’albero della puleggia si asciughi troppo, l’oring di tenuta si consuma al riavvio estivo dell’aria, provocando la perdita. Per prevenire simili disguidi, gli esperti suggeriscono di accendere l’aria condizionata almeno mezz’ora a settimana.

Compressore in tilt

Se il compressore non parte, premuto l’apposito pulsante collocato nell’abitacolo, significa probabilmente che siamo in presenza di guasti elettrici o meccanici. Nella prima ipotesi basta verificare lo stato delle connessioni elettriche: sono presenti tagli o segni di danneggiamento? Il computer di bordo rileva anomalie o errori nella diagnosi? Lo stato delle connessioni meccaniche può dipendere dal disaccoppiamento tra l’albero e la puleggia del compressore. Nel caso vi sia troppo spazio, il compressore andrebbe ripristinato o riparato.

Rumori sinistri

Sempre a proposito dell’albero compressore, esso può non girare liberamente o ridurre la pressione nel circuito A/C. Qui gli esperti guardano alla valvola di espansione. In talune circostanze il livello di gas all’interno del compressore si può abbassare, provocare l’essicazione delle guarnizioni e l’usura dei cuscinetti dell’albero motore. Disguidi rilevabile mediante controllo periodico, in occasione del tagliando. Gli automobilisti lamentano talvolta sentire rumori provenire dall’interno del cruscotto. Anche qui gli esperti “puntano il dito” contro la valvola di espansione. Basterà smontarla, pulirla e le piccole impurità spariranno, come per magia. Ciononostante, suggeriamo di sostituirla sempre in concomitanza al montaggio di un nuovo compressore.

Come giudichi l'articolo?
[Totale: 0 Media: 0]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

uno × 3 =