Porsche si mette in proprio: batterie per 1.000 auto elettriche all’anno

Si vociferava da tempo dell'alleanza tra Porsche e Custom Cells, ma ora il matrimonio è ufficializzato

I brand automobilistici europei vogliono ridurre la dipendenza dalla Cina nella produzione di batterie per auto elettriche. E anche Porsche si sta muovendo in questa direzione. L’azienda di Stoccarda vuole infatti produrre le proprie batterie ad alte prestazioni in Europa. Più esattamente, Porsche entra a far parte della casa madre Volkswagen che ha già confermato che nel 2030 avrà nel Vecchio Continente sei gigafabbriche di batterie per auto elettriche.

Il marchio tedesco assembla già batterie nel suo stabilimento di Brunswick dove ne ha appena aggiunto una seconda linea di produzione. L’obiettivo è raggiungere la produzione di 600.000 batterie all’anno.

Nuove strategie di Porsche per le auto elettriche

Si vociferava da tempo dell’alleanza tra Porsche e Custom Cells, ma ora il matrimonio è ufficializzato. Il marchio di Stoccarda controllerà l’83,75% di questa joint venture e investirà una cifra a doppia cifra di milioni di euro per renderlo possibile. Inoltre, il governo tedesco contribuirà con un importo di circa 60 milioni di euro. Porsche avrà così una propria fabbrica di batterie, che sorgerà alla periferia di Stoccarda.

La produzione di questi dispositivi per modelli elettrici dovrebbe iniziare su piccola scala nel 2024. Questo impianto avrà una capacità annua di almeno 100 megawattora, che si tradurrà nella produzione di batterie per circa 1.000 auto sportive elettriche all’anno. Inizialmente, avrà 13 dipendenti, che saranno ampliati a 80 nel 2025.

Queste batterie saranno basate su celle nuove e avanzate che godranno di tempi di ricarica più brevi. Queste innovative celle, secondo Oliver Blume, CEO di Porsche, consentiranno la ricarica in meno di 15 minuti.

Il che significa ridurre i tempi rispetto a quelli equipaggiati ad esempio con la Porsche Taycan, che impiega circa 22 minuti per passare dal 5 all’80%. In queste celle della batteria, verranno utilizzati anodi di silicio al posto della grafite, poiché questo materiale ha una densità di energia maggiore , migliora il recupero di energia e la ricarica rapida, così come il suo utilizzo comporta meno rischi in termini di sicurezza.

Auto Porsche un po’ meno costose?

In questo modo sono previste batterie più compatte poiché richiedono meno celle nella loro architettura. L’azienda presume che i nuovi elettroliti miglioreranno anche il funzionamento delle batterie anche con temperature esterne elevate poiché saranno in grado di funzionare con temperature superiori a 75 gradi.

D’altra parte, l’utilizzo di questo materiale porterà secondo Porsche una riduzione dei costi di produzione poiché la quantità di materia prima necessaria per il concepimento di queste batterie sarà inferiore. E alla fine dovrebbe tradursi in auto elettriche meno costose. Anche se parliamo di Porsche, i cui modelli non sono proprio economici, elettrici o meno che siano.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

venti − uno =

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.