City Transformer, quadriciclo elettrico per muoversi in città: dimensioni e autonomia

L'abitacolo di City Transformer è spigoloso con il frontale è dominato da una barra di luci diurne a Led

Nel 2018, l’azienda israeliana City Transformer ha presentato il concept di quadriciclo elettrico pieghevole appositamente progettato per facilitare il parcheggio nelle città. Un meccanismo brevettato dall’azienda stessa permette alla sua piattaforma di cambiare dimensione . Durante la guida è la larghezza di un’autovettura convenzionale, mentre in modalità parcheggio è la larghezza di una motocicletta.

C’m’è fatto il City Transformer

A tre anni di distanza, il progetto torna in pista con la presentazione della versione al Motor Show di Monaco. Secondo il team di progettazione di City Transformer, il veicolo può essere una soluzione logica per il traffico cittadino congestionato, dove trovare parcheggio è spesso un problema quotidiano.

Molte delle persone che si spostano regolarmente nelle città lo fanno su veicoli a cinque posti, la maggior parte non occupati e che richiedono una grande quantità di energia per viaggiare a una velocità solitamente molto lenta. Inoltre, trattandosi di un veicolo elettrico, è anche esente da restrizioni all’accesso ad alcune aree particolarmente protette nei centri cittadini.

Il City Transformer è un piccolo veicolo elettrico, nello specifico lungo 2,5 metri, che è costituito da un telaio retrattile con un meccanismo in grado di spingere le ruote in fuori per circolare con maggiore stabilità alle alte velocità e che spinge dentro quando si deve manovrare o parcheggiare in spazi ristretti.

L’abitacolo è spigoloso con il frontale è dominato da una barra di luci diurne a Led a tutta larghezza. Il quad elettrico francese ha probabilmente ispirato molti piccoli veicoli da città a basso costo che sono stati introdotti da quando il marchio francese lo ha messo in vendita.

Con dimensioni di 250 cm di lunghezza e 140 cm di larghezza, il quadriciclo elettrico israeliano è molto simile a quello francese in termini di dimensioni (234 x 124 cm). La differenza è la capacità del suo telaio di cambiare larghezza e offrire la stabilità di un’auto su strade veloci e la manovrabilità di una moto su strade cittadine. Quando le ruote sono retratte, la larghezza si riduce a 100 cm, una regolazione che può essere effettuata in movimento, consentendo ai conducenti di decidere al volo quale sia la configurazione più appropriata in qualsiasi momento.

Facilità di parcheggio con City Transformer

Con un metro di larghezza, parcheggiare il City Transformer è facile quasi quanto parcheggiare una moto. Ha un diametro di sterzata di 8,5 metri e dispone di freni a disco anteriori e posteriori, ABS e controllo elettronico della stabilità. L’interno non offre grandi lussi ma dispone di aria condizionata, spazio per riporre ciò che si trasporta nelle tasche, i comandi di una semplice automobile, uno schermo informativo e, per una maggiore sicurezza, almeno un airbag per il guidatore, sebbene è possibile montarne di più.

Il gruppo propulsore del City Transformer è composto da due motori elettrici ciascuno con una potenza di 7,5 kW (10 CV), situati su ciascuna delle ruote posteriori, in modo che la potenza totale combinata sia di 20 CV, sufficienti per raggiungere una velocità massima di 90 chilometri orari quando le ruote sono spiegate e 40 quando sono ritratte. Per quanto riguarda la sua batteria, di cui non si conosce la capacità, dovrebbe essere in grado di offrire tra i 120 e i 180 chilometri ad ogni carica e può essere ricaricata velocemente fino all’80% in circa 30 minuti.

Articolo precedenteLamborghini SC20: supercar con il motore più potente di sempre
Prossimo articoloAuto d’epoca: dopo quanti anni lo diventano secondo la norma 2021

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here