Sciopero trasporti Roma 12 gennaio 2018: linee, fasce di garanzia, info utili

Bus, tram e metro non garantiranno il consueto servizio.

Sciopero trasporti Roma 12 gennaio 2018

Capitale in tilt. Indetto lo sciopero trasporti Roma 12 gennaio 2018, dalla durata di 24 ore: riguarderà la rete Atac e i bus periferici gestiti dalla Roma Tpl.

Sciopero trasporti Roma 12 gennaio 2018: le modalità

L’iniziativa, proclamata dai sindacati Faisa Confail, Orsa e USB, interesserà bus, tram, metropolitane, ferrovie Roma-Lido, Termini-Centocelle e Roma-Civitacastellana-Viterbo. Nel mirino – spiega USB – “l’accordo sottoscritto da Cgil, Cisl, Uil, Ugl e Faisa Cisal il 27 novembre 2017. La messa all’asta degli immobili di proprietà al miglior offerente, senza nemmeno modificarne la destinazione d’uso, non contribuirà al risanamento del debito, mentre l’inserimento delle 29 ore aumenterà lo stress psicofisico del personale operativo, aggravandone le già precarie condizioni lavorative”.

Sciopero trasporti Roma 12 gennaio 2018: fasce di garanzia

Segnalate le fasce di garanzia, in vigore fino alle ore 8:30 e dalle 17:20. Non sarà  assicurato né il servizio delle biglietterie né il servizio di scale mobili, montascale e ascensori, nelle stazioni delle line metroferroviarie che, eventualmente, resteranno aperte. Con identiche modalità si svolgerà anche lo sciopero della società Roma Tpl, indetto dai sindacati Fast e USB. La sindaca Virginia Raggi ha nel frattempo dato il via libera alle gare per riammodernare le banchine dei tram e creare nuove corsie preferenziali. “Abbiamo investito oltre 3 milioni di euro per garantire maggiore sicurezza e comfort ai cittadini che ogni giorno scelgono i mezzi pubblici per spostarsi – ha scritto Raggi sulla sua pagina Facebook –. Ora sono partite le gare: realizzeremo in tempi brevi nuove corsie preferenziali e rinnoveremo le banchine per i tram”.

Sciopero trasporti Roma 2018: l’intervento del Comune

“Parliamo della protezione delle preferenziali in via Emanuele Filiberto, Quinto Publicio/via Orazio Pulvillo; Libia/Eritrea – Val Melaina – Nomentana/Val D’Aosta – ha poi aggiunto Raggi -. E della riqualificazione delle banchine tram tra scalo San Lorenzo e Viale Regina Margherita per consentire la discesa in sicurezza dei passeggeri. Il nostro obiettivo è velocizzare il trasporto pubblico e rendere più agevoli e sicure le fermate di tram e bus”.

Come giudichi l'articolo?
[Totale: 0 Media: 0]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

quattro × cinque =