Gomme invernali: una norma ad hoc per moto o scooter, ecco quale

E' previsto l'obbligo dal 15 novembre al 15 aprile (con un mese di tolleranza) per le auto, ma la situazione è diversa per i veicoli a due ruote

gomme invernali
Foto: Wikipedia

Siamo ormai entrati nel periodo in cui è necessario circolare con le gomme invernali, ma non tutti sanno che la situazione è parzialmente diversa per chi è in possesso di una moto o di uno scooter. Ecco quali sono le norme da prendere in considerazione per non sbagliare.

Gomme invernali: ecco perché sono importanti

L’arrivo delle temperature più rigide coincide ormai da qualche anno con l’introduzione dell’obbligo di montare le gomme invernali (o, in alternativa, di avere a bordo le catene da neve). Questo tipo di pneumatici garantiscono una migliore tenuta di strada in presenza di pioggia, ghiaccio, neve e pioggia sull’asfalto, ma in linea generale il livello di sicurezza è migliore al di sotto dei 7° C. Questo consente di ridurre lo spazio di frenata sia sul bagnato (fino al 15%) sia in presenza di neve (fino al 50%).

L’ordinanza è in vigore dal 15 novembre e lo sarà fino al 15 aprile 2019.

Prima di mettersi in viaggio è quindi consigliabile verificare se in quel tratto di strada la normativa è in vigore. Ormai le eccezioni in cui questo non accade sono comunque davvero poche.

Non sbagliare in fase d’acquisto per non andare incontro a sanzioni che possono rivelarsi decisamente pesanti è quindi fondamentale. Le gomme invernali omologate sono infatti caratterizzate dalla presenza di una delle seguenti sigle: M+S oppure MS, M/S, M-S, M&S (mud = fango, snow = neve).

Gomme invernali: cosa devono fare i motociclisti

Anche quando il clima è particolarmente rigido sono in tanti a spostarsi in moto o scooter, soprattutto per motivi di praticità. Questo genere di veicoli devono però sottostare a una normativa ben precisa, ma che potrebbe essere non conosciuta a tutti in questo periodo. Le gomme invernali possono essere impiegate, ma non sono comunque, a norma di legge, obbligatorie.

A precisarlo è innanzitutto l’articolo 6 comma 4 lettera e del codice della Strada. Qui si dice che “fuori dai centri abitati, lungo le strade frequentemente interessate da precipitazioni nevose e fenomeni di pioggia ghiacciata (freezing rain) nel periodo invernale, gli enti proprietari, ovvero concessionari di strade, possono prescrivere che i veicoli a motore, esclusi i ciclomotori (non le microcar) e i motocicli, debbano montare pneumatici invernali oppure abbiano a bordo le catene“.

Ulteriori precisazioni sono state invece inserite circolare datata 27 maggio 2016 del Ministero delle Infrastrutture e Trasporti n. 12424-DIV3-C, che conferma una circolare precedente, la n.103 del 1995. Qui si dice che “ciclomotori e motocicli possono montare, in inverno, pneumatici di tipo M+S con un codice di velocità inferiore rispetto a quello riportato in carta di circolazione, e fino a un minimo di M (130 km/h), senza dover modificare il documento di circolazione“.

C’è però una discriminante non da poco da tenere presente in questi casi e prescritta soprattutto per motivi di sicurezza. Chi è in possesso di moto o scooter può infatti montare le gonne invernali dal 15 novembre al 15 aprile (con un mese di tolleranza). In caso di “effettiva presenza di neve o strada ghiacciata è però valido il divieto di circolazione, pur essendo in presenza di gomme specifiche.

 

Come giudichi l'articolo?
[Totale: 0 Media: 0]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

uno × tre =