Uber: come funziona e quanto costa

L'utilizzo dei servizi Uber è caratterizzato da una procedura intuitiva e user-friendly. Ecco cosa c'è da sapere

uber

Il panorama della mobilità urbana nelle grandi metropoli sta subendo cambiamenti significativi da diversi anni. Tra le innovazioni più rilevanti emerge Uber, un servizio attivo in diverse città europee, negli Stati Uniti e in circa 80 paesi in tutto il mondo. Ma quali sono le caratteristiche di questo servizio, la sua legalità e la sua attuale situazione in Italia? Prima di tutto, Uber non è solo un servizio, ma una società fondata nel 2009 a San Francisco (USA), la cui popolarità è cresciuta rapidamente grazie alla sua offerta di trasporto privato su auto con conducente (Nnc) attraverso un’applicazione (App).

Uber è diventato operativo nel 2010 in diverse città globali, offrendo agli utenti la possibilità di accedere facilmente a una rete di autisti che forniscono servizi simili a quelli dei taxi, ma con modalità di pagamento e accesso differenti. In Italia, Uber è stato lanciato nel 2013 a Roma e Milano e si è successivamente esteso a Genova e Torino. Tuttavia, a causa di controversie e proteste da parte dei tassisti, il servizio Uber è ora disponibile principalmente nella variante Uber Black.

La principale caratteristica che ha reso Uber popolare in Europa, negli Stati Uniti e in tutto il mondo è la sua piattaforma digitale che consente agli utenti di prenotare rapidamente il servizio, visualizzare la disponibilità dei conducenti nella zona e conoscere in anticipo i costi del viaggio.

Il termine Uber deriva dall’inglese e dal tedesco, dove assume il significato di “molto”, “estremamente”, “super” o “ultra”. Questo termine riflette l’obiettivo di Uber di offrire un servizio di trasporto eccezionale e altamente efficiente attraverso la sua piattaforma tecnologica.

Come funziona Uber

L’utilizzo dei servizi Uber è caratterizzato da una procedura intuitiva e user-friendly.

L’applicazione per smartphone è facilmente scaricabile gratuitamente dall’App Store o da Google Play. Questa app consente agli utenti di prenotare un viaggio in auto con conducente, simile all’uso tradizionale dei taxi o dei servizi di carpooling.

Dopo aver creato un account utilizzando un numero di telefono e un indirizzo email, l’utente può semplicemente aprire l’app e cliccare sul pulsante “Dove si va”.

Successivamente l’utente inserisce la propria posizione o il punto di partenza e l’app mostrerà automaticamente gli autisti Uber disponibili nelle vicinanze.

Una volta effettuata la prenotazione, è possibile monitorare la posizione del veicolo scelto. Prima di salire a bordo, è consigliabile controllare che l’auto corrisponda alle informazioni fornite nell’app, come il modello e il numero di targa.

Il pagamento del viaggio può essere effettuato in contanti (in alcuni paesi), con carta di credito o tramite il saldo Uber Cash. L’utente ha la possibilità di lasciare un feedback valutativo sul servizio ricevuto, simile alla prassi delle agenzie di viaggio online.

Il principale vantaggio di questo servizio di trasporto è la sua praticità; gli utenti possono prenotare un’auto con pochi clic o inviando un messaggio di testo.

L’applicazione Uber visualizza una mappa sulla quale l’utente può vedere la propria posizione e la posizione delle auto disponibili più vicine. Inoltre, viene indicato il tempo di attesa stimato e l’utente può seguire l’avvicinamento del veicolo prenotato in tempo reale grazie al GPS.

Se si verificano imprevisti, è possibile annullare la prenotazione entro cinque minuti senza addebiti. Ma in alcune città sono previsti costi di cancellazione se la richiesta viene annullata oltre questo periodo di tempo.

Quanto costa Uber

Una distinzione da fare del servizio Uber rispetto al taxi è l’assenza del tassametro; il cliente può ricevere una stima del costo, che viene calcolata principalmente sulla base di due fattori distinti: il percorso richiesto e il tipo di veicolo (auto standard, berlina, suv, auto di lusso).

Le tariffe possono variare anche a seconda di circostanze come il tempo, la richiesta del servizio durante festività o grandi eventi e manifestazioni; in tali casi, l’utente viene informato dell’aumento del costo del servizio tramite sms.

Le tariffe sono stabilite in anticipo: una tariffa al minuto se la velocità media dell’auto non supera una determinata soglia, una tariffa al chilometro altrimenti. In generale, il costo del servizio Uber è approssimativamente il 20% più alto rispetto a quello dei taxi.

Esistono inoltre i Bonus Uber, accessibili tramite codici e destinati ai nuovi utenti del servizio, ovvero coloro che si iscrivono per la prima volta ad Uber. Questi sconti consentono di ottenere un determinato importo di crediti gratuiti, utilizzabili in qualsiasi città in cui Uber opera.

Articolo precedenteCitroen Jumpy elettrico: tutti gli ausili e i sistemi di sicurezza