Android Auto o Apple CarPlay: differenze e quale funziona meglio

Apple CarPlay e Android Auto offrono funzionalità simili, ma ci sono alcune differenze tra di loro. Cosa c'è da sapere

In un mondo sempre più connesso, la possibilità di utilizzare il proprio smartphone all’interno dell’auto è diventata una necessità per molti automobilisti. Grazie ai nuovi sistemi di connessione, come Apple CarPlay e Android Auto, è possibile sfruttare le funzionalità del proprio dispositivo mobile all’interno del veicolo, rendendo la guida più sicura ed efficiente.

Apple CarPlay è un sistema di infotainment sviluppato da Apple per i propri dispositivi iOS. Permette agli utenti di sfruttare le funzionalità del proprio iPhone all’interno dell’auto, come ad esempio la navigazione, la riproduzione musicale, le chiamate e gli SMS. CarPlay è progettato per essere intuitivo e facile da usare, con un’interfaccia utente simile a quella dell’iPhone. Android Auto è stato sviluppato da Google per i dispositivi Android. Offre funzionalità simili a quelle di CarPlay, come la navigazione, la riproduzione musicale, le chiamate e gli SMS. Tuttavia, a differenza di CarPlay, Android Auto può essere utilizzato anche con dispositivi non-Google, come ad esempio Samsung.

Entrambi i sistemi sono progettati per rendere la guida più sicura, poiché permettono agli utenti di utilizzare le funzionalità del proprio dispositivo mobile senza doverlo toccare. Inoltre, entrambi i sistemi includono un’interfaccia utente progettata per essere utilizzata mentre si è alla guida, con pulsanti grandi e facilmente raggiungibili. In termini di funzionalità, entrambi i sistemi offrono funzionalità simili, ma ci sono alcune differenze. Ad esempio, CarPlay offre un’integrazione più profonda con i servizi di Apple, come ad esempio Siri, mentre Android Auto offre un’integrazione più profonda con i servizi di Google, come ad esempio Google Assistant.

Apple CarPlay e Android Auto offrono funzionalità simili, ma ci sono alcune differenze tra di loro. La scelta tra uno dei due dipenderà dalle preferenze dell’utente e dal proprio dispositivo mobile. Tuttavia, entrambi i sistemi sono progettati per rendere la guida più sicura e più efficiente, consentendo agli utenti di utilizzare le funzionalità del proprio dispositivo mobile senza doverlo toccare.

Apple CarPlay, quali sono i punti di forza

Apple CarPlay è un sistema di infotainment progettato per proiettare le funzionalità dell’iPhone sul display dell’auto. Gli utenti possono ricevere indicazioni, effettuare chiamate, inviare e ricevere messaggi, ascoltare musica e utilizzare molte altre funzioni senza distogliere lo sguardo dalla strada. Il sistema include anche mappe Apple, email, calendari, rubrica e altro ancora. Utilizzando la cronologia, CarPlay è in grado di prevedere le destinazioni più probabili. CarPlay utilizza Siri, l’assistente digitale di Apple, come protocollo di comunicazione e può essere attivato premendo il pulsante del controllo vocale sul volante.

In alcune auto compatibili, CarPlay può anche essere gestito tramite un touchscreen. L’interfaccia di CarPlay è simile alla schermata iniziale dell’iPhone. Attualmente, oltre 200 modelli di auto supportano Apple CarPlay, disponibile di serie o come opzione. Per i modelli di auto precedenti al 2016, alcuni produttori offrono un aggiornamento software per supportare CarPlay. Tuttavia, alcune funzioni potrebbero essere disponibili solo su determinate configurazioni dell’auto.

Android Auto, quali sono i punti di forza

Android Auto è un sistema di infotainment progettato per offrire funzionalità simili a quelle di Apple CarPlay, tra cui telefonia, SMS, ricerca sul web, controllo della mappatura GPS e navigazione e riproduzione di musica. Offre anche la possibilità di controllare le funzionalità tramite comandi vocali utilizzando un touchscreen o vivavoce. Il sistema include app popolari come Google Maps e Waze, Google Play Music, Spotify, iHeart Radio e TuneIn.

Per utilizzare Android Auto, è necessario che il telefono sia almeno aggiornato alle ultime iterazioni del software e che sia collegato al veicolo tramite cavo USB o Bluetooth. L’interfaccia utente di Android Auto è adattata per un utilizzo in auto e per inviare ordini è sufficiente dire Ok Google. Le informazioni vengono visualizzate in semplici schede solo quando necessario, per non distrarre l’utente dalla guida.

Articolo precedenteAuto online: come comprare in sicurezza i modelli usati e quelli a chilometri 0
Prossimo articoloCity Transformer, quadriciclo elettrico per muoversi in città: dimensioni e autonomia

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here