BMW Vision Neue Klasse X: il futuro a ioni di litio

La casa automobilistica bavarese sostiene lo sviluppo di modelli a batteria nei quali è da anni pioniere con una serie di concept

BMW Vision Neue Klasse X

BMW continua a investire nelle tecnologie delle auto a batteria, come evidenziato dal recente lancio della BMW Vision Neue Klasse X. Questo modello, il secondo della famiglia di concept Vision Neue Klasse, offre un’anteprima dello sviluppo futuro dei veicoli ad alte prestazioni stilisticamente e costruttivamente.

Caratteristiche distintive sono il ritorno del caratteristico doppio rene anteriore e ampie superfici vetrate. I futuri suv della Neue Klasse saranno incentrati sulla digitalizzazione, sull’implementazione di criteri di sostenibilità lungo l’intera catena produttiva e, soprattutto, su un dinamismo all’altezza del prestigioso logo, ora serigrafato sul cofano.

Alla scoperta della BMW Vision Neue Klasse X

BMW Neue Klasse Vision X porta l’efficienza complessiva del veicolo a un nuovo livello grazie all’implementazione della sesta generazione della tecnologia BMW Drive. Questo avanzamento non solo coinvolge le unità di azionamento elettriche, ma include anche nuove celle della batteria agli ioni di litio, ora caratterizzate da una forma rotonda e da una densità di energia volumetrica superiore di oltre il 20% rispetto alle precedenti celle prismatiche.

L’adozione del sistema a 800 volt consente una significativa riduzione dei tempi di ricarica, con soli 10 minuti necessari per accumulare 300 chilometri di autonomia. Si prevede un’autonomia compresa tra i 650 e i 700 km. Un’altra innovazione rivoluzionaria si manifesta negli interni, caratterizzati dall’abbandono dei maxi schermi a favore di una nuova filosofia di design.

L’interazione uomo-auto avviene tramite il Bmw Panoramic Vision, il Central Display e i pulsanti multifunzione sul volante, senza l’utilizzo di schermi a tutta larghezza sulla plancia o schermi di grandi dimensioni in ogni angolo dell’abitacolo. Le informazioni vengono proiettate per la prima volta alla base e su tutta la larghezza del parabrezza, introducendo così un approccio innovativo alla visualizzazione delle informazioni all’interno del veicolo.

La strategia di coabitazione con le vetture a combustione

BMW ha adottato una strategia volta a combinare il presente con il futuro, delineando così la propria evoluzione e le prospettive degli anni a venire. Questa visione prevede lo sviluppo di veicoli sempre più orientati all’elettrificazione, pur mantenendo un impegno nei confronti dei motori tradizionali a cilindri e pistoni. A differenza di alcuni dei suoi concorrenti premium tedeschi, il marchio di Monaco di Baviera si è distinto per un approccio più prudente rispetto a un completo passaggio all’elettrico.

Tornando ai nuovi modelli recentemente introdotti sul mercato, c’è un particolare interesse per la nuova Serie 5 Touring, ora disponibile anche nella variante elettrica i5. Similmente alla berlina, anche la Touring ha subito un incremento nelle dimensioni rispetto al modello precedente. In particolare, la versione wagon ora presenta una lunghezza di 5,06 metri (+97 mm), una larghezza di 1,90 metri (+32 mm) e un’altezza di 1,52 metri (+17 mm), con un aumento del passo di 2 centimetri, raggiungendo quasi i 3 metri netti.

L’offerta di motorizzazioni è ampia, comprendendo varianti a benzina, diesel, ibride plug-in e completamente elettriche, con potenze fino a 560 cavalli e autonomie significative. Inoltre, in futuro è previsto il lancio della Bmw M5 Touring, pronta a competere con la concorrente Audi RS6.

Passando a modelli di dimensioni più compatte, la seconda generazione della X2 presenta una trasformazione totale rispetto al passato, assumendo completamente le caratteristiche di un suv coupé. Oltre alle versioni tradizionali, è disponibile anche la iX2 elettrica, con potenze fino a 313 cavalli.

Anche Mini Countryman SE All4 ha subito un aggiornamento significativo con il debutto della terza generazione, disponibile ora anche senza l’utilizzo di motori endotermici. Completamente rivisitata rispetto al passato, la nuova Countryman segue il nuovo corso stilistico di Mini, caratterizzato da linee nette e distintive, con un frontale sviluppato in verticale e nuovi elementi estetici come il montante C con il logo ALL4 specifico del modello e i fari posteriori a LED dalla grafica British. Inoltre, sono disponibili nuovi cerchi in lega fino a 20 pollici.

Cresciuta di oltre 13 centimetri rispetto alla seconda serie, la Countryman rappresenta ora un C-Suv a tutti gli effetti. Entro la fine dell’anno, la gamma Mini sarà arricchita dalla nuova Aceman, un modello posizionato tra la compatta Cooper e la più grande Countryman.

Articolo precedenteHyundai punta sulla mobilità sostenibile
Prossimo articoloI suv e crossover più attesi nel 2024