Migliori auto vintage: le più desiderate

In giro per il mondo si scatenano accese aste pur di ottenerle.

Migliori auto vintage

Pochi dubbi: le migliori auto vintage esercitano notevole appeal. Col loro stile inimitabile hanno segnato interi decenni. Retaggio di un luminoso passato, che non tornerà più. Ed affiora comprensibile nostalgia…

Migliori auto vintage: Bugatti Type-57 SC Atlantic

Perfezione ingegneristica e attenzione ai dettagli. Entrò nel mito, forte di queste virtù, la Bugatti Type-57 SC Atlantic, prodotta dal 1936 al 1938. Dalla linea bassa e profilata, aveva uno slancio e un look moderno, mai vista prima. In base ai desideri dei clienti era personalizzabile, anche nelle configurazioni dei posti, che potevano essere 2 o 4. Sebbene l’auto fosse molto costosa, i numeri di vendita si mostrarono entusiasmanti per l’epoca (circa 700 esemplari piazzati).

Ford GT40

Nata su intuizione di Henry Ford II, la Ford GT40, prodotta e venduta tra il 1964 e il 1969 in sole cento unità, fa ancora sognare. Corredata di motore V8 7000cc, conquistò ben quattro vittorie consecutive alla 24 Ore di Le Mans. Realizzati all’epoca pure alcuni esemplari per la guida stradale. Oggi sono state proposte diverse versioni moderne, potentissime e molto curate nel look.

Lamborghini Miura

Riscosse enorme successo sin dalla sua presentazione al Salone di Ginevra 1966 la Lamborghini Miura, chiamata così per rendere omaggio all’allora noto allevatore spagnolo di tori da combattimento (logo storico), Don Eduardo Miura Fernandez. L’innovazione estetica e la complessità ingegneristica a livello motore (V12 da 12 cilindri, 350 cavalli di potenza) fece invecchiare all’improvviso tutti i modelli sportivi della concorrenza. La ritirarono dal mercato nel 1973.

Shelby Cobra

Carrol Shelby, l’ideatore della Cobra, decise di sfidare lo strapotere Ferrari sviluppando nel 1961 una vettura con telaio inglese non eccessivamente pesante. La produzione andò avanti sino al 1967: 348 esemplari, tutti omologati per circolazione su strada. Un V8 già parecchio potente venne sostituito nel 1964 da un Ford Type 427 ancora più prestante, da ben 500 cavalli. Di questi però, 88 furono preparati dai meccanici in allestimento Corsa o Prova.

Volkswagen Maggiolino

Posizionò Volkswagen sulla mappa dei grandi marchi mondiali la prima Maggiolino, datata 1938. Introdusse una categoria a sè stante e, di generazione in generazione, popolò le concessionarie fino al 2003, totalizzando circa 25 milioni di esemplari venduti. Alla portata di tutti, compatta e con un design semplice e riconoscibile, si rivelò perfetta per l’industrializzazione su larga scala del primo ‘900. Insieme ad altri cinque modelli, ha ricevuto il prestigioso riconoscimento di automobile più influente del XX secolo.

Come giudichi l'articolo?
[Totale: 2 Media: 1.5]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

20 − 9 =