GWM Wey 03: la prova su strada del suv ibrido plug-in

Il design di GWM Wey 03 combina eleganza con presenza visiva, mantenendo allo stesso tempo un'estetica sobria

GWM Wey 03

Entrare in un mercato complesso come quello europeo è una sfida dal risultato per nulla scontato. Tra le varie strategie disponibili, il colosso cinese GWM (Great Wall Motor), impegnato nella vendita di suv di alta gamma nel suo paese d’origine, adotta un approccio premium. La punta di diamante di questa strategia è rappresentata dal GWM Wey 03, suv ibrido plug-in appartenente al segmento C, pronto a fare il suo ingresso sul mercato europeo con una serie di caratteristiche distintive.

GWM Wey 03 alla prova su strada

Il design di GWM Wey 03 adotta canoni stilistici distintivi, combinando eleganza con una presenza visiva rilevante, mantenendo al contempo un’estetica sobria. La gestione dei volumi è ben equilibrata, evitando eccessi nel design. Con una lunghezza di poco inferiore a 4,70 metri, il veicolo si colloca nel competitivo segmento dei suv compatti, offrendo comfort grazie a un passo di 2,74 metri e un’altezza di 1,73 metri. Il veicolo è disponibile in due versioni: Premium e Luxury. Entrambe sono equipaggiate con un propulsore turbo da 2.0 litri da 204 CV, accoppiato a una trasmissione DCT a 9 rapporti.

Possibile scegliere tra trazione integrale (AWD) e trazione anteriore (2WD). La versione AWD, la più performante grazie ai due motori elettrici (la 2WD ne ha uno solo), eroga una potenza complessiva di 442 cavalli, consentendo uno scatto da 0 a 100 km/h in 5,3 secondi e una velocità massima di 230 km/h.

Particolarmente interessante è l’autonomia in modalità completamente elettrica, che raggiunge i 136 km per la versione AWD e i 124 km per la 2WD. Con un’economia di 4 km/kW, garantita da una batteria agli ioni di litio da 34 kWh, è possibile beneficiare di una capacità eccezionale, prodotta internamente da una sussidiaria di GWM. La ricarica dell’80% con una potenza di 50 kW in corrente continua richiede circa 38 minuti, mentre il completamento al 100% con una potenza di 11 kW richiede 3 ore e 20 minuti. Il serbatoio carburante ha una capacità di 55 litri. Gli interni trasmettono un senso di qualità e attenzione ai dettagli, offrendo un’esperienza piacevole per i passeggeri.

Elementi di spicco per GWM Wey 03

Gli interni della vettura sono caratterizzati da rivestimenti, plastiche e materiali di alta qualità, che contribuiscono a garantire un elevato livello di comfort per gli occupanti dell’abitacolo. Tre ampi display dominano il cruscotto, offrendo un’interfaccia utente fluida e intuitiva tramite controlli touch, anche se si avverte la mancanza di comandi fisici per alcune regolazioni.

Sono presenti sistemi avanzati di assistenza alla guida di livello 2, che si sono dimostrati efficienti e ben calibrati. Durante la modalità di guida completamente elettrica, si apprezza immediatamente la fluidità del motore.

Passando alla modalità Sport, il sistema di propulsione accentua le prestazioni, offrendo una spinta soddisfacente, soprattutto sulla versione AWD. La ciclistica della vettura è orientata verso il comfort, con un’attenzione maggiore alla morbidezza delle sospensioni piuttosto che alla reattività, specialmente durante una guida più aggressiva. Lo sterzo risulta preciso, anche se le diverse modalità di guida disponibili (città, standard e sportiva) mostrano differenze non molto marcate tra loro. Durante l’affronto delle curve, il rollio è contenuto e le reazioni dell’auto rimangono sempre neutre e facilmente controllabili anche in situazioni di trasferimento di carico forzato. Il prezzo della vettura, sebbene non ancora ufficializzato, dovrebbe situarsi tra i 45.000 e i 50.000 euro per la versione d’accesso.

Articolo precedenteGoogle Maps tra miglioramenti e integrazioni: cosa cambia per le auto e non solo
Prossimo articoloQuale auto per la famiglia comprare in base a prezzo e qualità