Auto usate: calano i prezzi, crescono le vendite

Il budget medio di un'auto usata è di circa 20.600 euro per le auto termiche e di 23.300 euro per una ibrida o elettrica

auto usate

L’interesse degli italiani per i veicoli usati continua a essere evidente. Questo mercato, già in uno stato di notevole dinamicità da diversi anni, è attualmente oggetto di un’ulteriore spinta positiva, come attestato da alcuni recenti studi.

Auto usata: benzina o diesel

Nei primi otto mesi del 2023, si è osservato un incremento del 6,6% rispetto al corrispondente periodo dell’anno precedente. I veicoli alimentati a benzina e gasolio hanno dominato il mercato, con il 43% degli intervistati che ha dichiarato l’acquisto di un’auto a benzina e il 38% di un modello diesel.

Si nota un aumento nella percentuale di chi ha sostituito il loro veicolo obsoleto, considerando che più della metà del parco circolante nazionale è costituita da vetture Euro 4 o inferiori, con automobili alimentate a gas di petrolio liquefatto (Gpl). Anche se la presenza di vetture ibride sul mercato è limitata, i trasferimenti di proprietà associati a questi modelli rappresentano il 6%.

Mentre l’adozione di vetture elettriche è ancora limitata, con solo il 2% degli intervistati che le ha collocate nei propri garage ed è attribuibile principalmente alla percezione del costo ancora elevato, come riportato dal 33% dei partecipanti. Inoltre, il 24% crede che l’utilizzo di batterie usate possa compromettere l’autonomia del veicolo.

Auto ibride usate, trend in crescita

Più del 50%, precisamente il 53%, degli acquirenti di auto in Italia entro la fine dell’anno opteranno per il mercato dell’usato, con un budget medio dichiarato di circa 20.600 euro per veicoli a propulsione termica, cifra che aumenta a 23.300 euro per vetture ibride o elettriche. Sebbene il valore medio delle auto in vendita sul portale sia attualmente di 22.600 euro, sembra che l’incremento dei prezzi si sia stabilizzato, con un aumento del 2,5% solo nell’ultimo anno, a differenza del significativo aumento del 42,7% registrato tra gennaio 2019 e dicembre 2022.

Analizzando le intenzioni di acquisto, la maggioranza degli acquirenti si orienta ancora verso veicoli a motore termico, con benzina e diesel che rappresentano rispettivamente il 33,3% e il 34,8%, mentre le vetture ibride hanno un notevole aumento, raggiungendo quasi il 15%. È interessante notare che, almeno nelle intenzioni dichiarate, le vetture elettriche stanno suscitando un interesse crescente, con il 6,5% dei potenziali acquirenti che le considera.

Altri dati rilevanti emergono dall’indagine, come la preferenza per i colori bianco (30%) e nero (26%), mentre il 61% dei acquirenti include tra i filtri delle ricerche online un chilometraggio inferiore a 80.000. Ed è in aumento la percentuale di acquirenti italiani che ritengono fondamentale, tra i criteri di scelta di un’auto usata, la presenza di dispositivi di sicurezza attiva, attestandosi al 79%, rispetto al 70% di due anni fa. Cresce anche la quota di coloro che considerano essenziale un sistema di infotainment avanzato (46%). Va notato il consolidamento del cambio automatico, ora selezionato dal 40% del campione.

Articolo precedenteDr 3.0, quale versione in vendita conviene comprare
Prossimo articoloHyundai Santa Fe 2024, restyling totale per la quinta generazione