Microcar 2017: da quando si possono guidare, i migliori modelli in commercio

Definiti "quadricicli leggeri", sono un lusso: costano anche più di 12.000 euro

Chi l’ha detto che per guidare un’auto bisogna attendere la maggiore età? Un mezzo speciale, sogno dei teenager, esiste già: le microcar.

La normativa in vigore

Costruite in Francia a partire dagli anni ’80, per rientrare secondo legge (D. M. 5 aprile 1994 su direttiva CEE 92/61) nella categoria dei “quadricicli leggeri” devono disporre di una massa a vuoto non superiore a 350 chili, velocità massima di 45 chilometri orari e cilindrata inferiore a 50 cc. (propulsore a due o quattro tempi) oppure entro i 4 chilowatt (alimentazione a gasolio). Sin quattordicenni si possono guidarle, previo conseguimento della patente AM, limite d’età posto due anni più avanti per quelle ‘pesanti’ (dove è necessario possedere i tesserini A1 o B1). Quest’ultima tipologia si differenzia dalla precedente per i limiti di massa (400 chili), di potenza (sotto i 15 chilowatt) e velocità massima (meno di 80 chilometri orari).

Non è una macchina per bambini

Al fine di ospitare un passeggero a bordo occorre comunque diventare maggiorenni. Purché sulla carta di circolazione sia annotata tale possibilità. Se si tratta di un bambino che non ha ancora compiuto 10 anni è vietato porlo sul fronte anteriore. Eccezione alla regola permessa nel caso in cui venga trasportato, dalla posizione contraria rispetto a quella di marcia, tramite un apposito sistema omologato oppure il veicolo stesso sia sprovvisto di sedili posteriori o comunque privi di cinture (il cui utilizzo è obbligatorio per tutti).

Brand più celebri

Parcheggiabili nei spazi dedicati ai motorini, i modelli possono circolare su qualunque strada, eccezion fatta per tangenziali, superstrade e autostrade. L’utilizzo è particolarmente agevole nel traffico cittadino grazie alle loro piccole dimensioni, ideali per passare fra piccoli spazi. Il relativo consumo, invece, è pari a 3,5 e 5 litri per 100 chilometri, rispettivamente nelle versioni diesel e benzina. Riguardo alle case produttrici più quotate, in aggiunta all’omonima Microcar, da tenere d’occhio la Ligier, la Casalini, la JDM, la Aixam, la Grecav e la Tasso per un investimento che può rivelarsi costoso, facilmente superiore ai 12.000 euro.

Come giudichi l'articolo?
[Totale: 2 Media: 3.5]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

tre × 2 =