Nuova Renault Symbioz Demo car: autonoma, elettrica e connessa, l’esperienza di domani comincia oggi

2017 - Démonstrateur SYMBIOZ

Dopo aver svelato al Salone di Francoforte la sua visione dell’automobile per il 2030, con la concept-car Symbioz, viene presentata la nuova Renault Symbioz Demo car, la prima applicazione di prototipo funzionante che preannuncia un futuro non molto lontano (2023). A bordo, il conducente può delegare la guida al sistema autonomo ed utilizzare il tempo per altre attività.

Nuova Renault Symbioz Demo car, una guida autonoma avanzata di livello 4 per ritrovare il tempo perduto

Ingegneri, designer e capi progetto dovranno far fronte a tante sfide. Il veicolo è dotato di capacità di guida autonoma di livello 4, anche noto come “Mind off”. Questo livello libera il conducente da tutti i compiti della guida, quando questa viene delegata al sistema autonomo. Sulle strade autorizzate (tipo autostrade o strade a percorrenza rapida, a due corsie e terrapieno centrale), un veicolo autonomo di livello 4 è in grado di gestire la distanza rispetto all’auto che lo precede, di mantenersi in carreggiata anche in curva, cambiare corsia (e muoversi nel traffico intenso. Finora il codice della strada non autorizza la delega di guida di livello 4. Tuttavia le autorità francesi (e quelle di altri Paesi) consentono, come misura di deroga, di effettuare sperimentazioni.

Il piacere della guida a Zero Emissioni

La nuova Renault Symbioz Demo car è dotata di una motorizzazione al 100% elettrica e a Zero Emissioni. I due motori elettrici sono situati sul retro del veicolo, ognuno dedicato ad una ruota posteriore. Questo sistema di propulsione offre una migliore trasmissione della potenza al suolo per un maggiore piacere di guida. Le sensazioni al volante sono accentuate anche dal telaio 4CONTROL a quattro ruote sterzanti che garantisce una tenuta di strada eccezionale.

Tre modalità di guida e tre esperienze di vita a bordo

La nuova Renault Symbioz Demo car propone tre modalità di guida. La modalità Classic è quella di riferimento. Il conducente si trova in una posizione di guida tradizionale con l’auto impostata in modalità comfort. La modalità Dynamic funge da amplificatore delle sensazioni. La guida diventa più attiva con un sedile per il conducente con supporti laterali che danno l’impressione di stare seduto su un sedile avvolgente. Inoltre, la risposta e il suono del motore, lo sterzo e l’aderenza del telaio sono più orientati alla dinamicità. La modalità AD (Autonomous Driving) ottimizza lo spazio disponibile davanti al conducente per consentirgli di dedicarsi a nuove attività. Con questa modalità “on”, il volante e il cruscotto dotato di un display unico a forma di L (L-Shape) arretrano automaticamente di 12 centimetri.

Come giudichi l'articolo?
[Totale: 0 Media: 0]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

14 − 2 =