Rc auto, 6 modi per risparmiare

Ridurre il costo della polizza assicurativa ha oggi un'importanza ancora maggiore. Ecco alcune strategie per ottenere questo obiettivo

rc auto risparmio

Al momento del rinnovo della polizza auto occorre considerare diversi parametri, a partire dal costo. Il suggerimento evitare di lasciare tutto all’ultimo momento, in modo da poter selezionare e valutare attentamente le varie offerte, evitando così errori che potrebbero comportare spese eccessive. La ricerca online può essere un valido strumento per individuare l’assicurazione più conveniente: qui di seguito vengono suggeriti i passaggi fondamentali per questo processo. Non bisogna sottovalutare l’opportunità di consultare un consulente assicurativo: avendo già un’idea dei costi online, si può intraprendere una trattativa consapevole. Per semplificare, ci concentreremo esclusivamente sulla polizza di Rc auto. la copertura assicurativa obbligatoria per legge.

Confrontare le proposte

Per effettuare un confronto obiettivo delle proposte assicurative delle compagnie, si consiglia di consultare il configuratore pubblico online fornito dall’Ivass (Istituto di vigilanza sulle assicurazioni). Attraverso l’inserimento della targa del veicolo e dei dati anagrafici, il sito richiederà inoltre di specificare la categoria lavorativa a cui si appartiene. È possibile che si possa selezionare più di una categoria, come ad esempio artigiani o liberi professionisti. In questo caso, è consigliabile completare i preventivi relativi alle diverse categorie, poiché potrebbe esserci una differenza significativa tra le proposte.

Guida esperta o esclusiva

Il calcolatore di preventivi consente l’inserimento della clausola di guida esperta che varia in base alla politica della compagnia assicurativa, ma generalmente tiene conto della data di ottenimento della patente sulla base del principio che una maggiore esperienza di guida implichi un minore rischio. Optando per questa clausola, è possibile risparmiare circa il 5% sul premio assicurativo. Un’altra clausola è quella della guida esclusiva: accettando che solo il titolare della polizza guidi il veicolo, si ottiene uno sconto del 5% sul premio. Se l’auto viene guidata da un’altra persona che è coinvolta in un incidente, la compagnia assicurativa coprirà i danni, ma successivamente richiederà al titolare della polizza un rimborso pari alla percentuale dello sconto precedentemente ottenuto.

La classe di merito

La Legge Bersani, così denominata dall’autore che l’ha introdotta, è finalizzata a ridurre il costo dell’assicurazione auto per i nuovi assicurati. La Rc auto si basa sul sistema del bonus malus per cui ogni conducente è classificato in una classe di merito in base alla sua probabilità storica di coinvolgimento in incidenti stradali, valutata nel corso degli anni. Questa scala varia da 1 (rischio basso) a 18 (rischio elevato). Ai nuovi assicurati verrebbe di norma assegnata la classe 14, ma se nel nucleo familiare è presente una persona che possiede un’assicurazione RC in una classe inferiore, è possibile optare per questa classe inferiore. Ma è importante effettuare più simulazioni, poiché le compagnie di assicurazione tendono ad aumentare il premio per coloro che desiderano ereditare una classe di merito più favorevole.

La scatola nera

Accettando l’installazione di un dispositivo di registrazione telematica, noto come scatola nera, che traccia dati come la velocità è possibile ottenere uno sconto sul premio assicurativo che può variare intorno al 10%. Questa percentuale di sconto è influenzata dall’utilizzo del veicolo: è più elevata per coloro che percorrono meno chilometri nell’arco dello stesso periodo temporale. Dopo un incidente, l’assicurazione ha la possibilità di analizzare i dati raccolti dalla scatola nera. Se riscontra che il conducente non stava rispettando il Codice della strada, potrebbe attivare delle conseguenze sulla polizza. Sebbene tali controlli siano dispendiosi per le compagnie assicurative e quindi raramente applicati, in situazioni particolarmente gravi possono essere adottati. Tra l’altro è possibile ottenere un ulteriore sconto del 5% sul premio assicurativo se, per la riparazione del veicolo danneggiato, si sceglie una carrozzeria consigliata dall’assicurazione.

Dai simulatori pubblici a quelli privati

Dopo aver selezionato i preventivi più promettenti tramite il calcolatore pubblico fornito dall’Ivass, è consigliabile confrontarli con quelli di altri calcolatori privati. Quindi, una volta scelta la polizza più adatta alle proprie esigenze, è consigliabile consultare direttamente il sito web della compagnia assicurativa corrispondente. Sul sito potrebbe essere possibile trovare tariffe ancora più convenienti, ulteriori sconti riservati a determinate categorie di lavoratori, abbonati a servizi TV a pagamento o possessori di tessere sconto per catene di negozi. Potrebbe essere utile contattare direttamente l’agente assicurativo più vicino a casa per ulteriori informazioni e assistenza nella scelta della polizza migliore.

L’agente assicurativo

Dopo aver condotto la ricerca sui siti web delle compagnie assicurative, è possibile contattare direttamente un agente assicurativo. Non è detto che l’acquisto della polizza tramite un agente comporti necessariamente un costo più elevato: oltre alla possibilità di negoziare direttamente con l’agente, è possibile che vengano offerti sconti extra previsti dalle compagnie assicurative per coloro che raggiungono determinati obiettivi di vendita. Potrebbe essere proposto un bonus di benvenuto per chi decide di cambiare compagnia assicurativa che potrebbe essere già indicato nei siti web delle assicurazioni e potrebbe garantire sconti fino al 70%. Nella valutazione finale della convenienza dell’acquisto tramite agente assicurativo rispetto ai call center delle polizze online, è importante considerare se il supporto di un consulente personale giustifichi un eventuale supplemento di prezzo.

Articolo precedenteCar sharing: vantaggi, svantaggi e costi
Prossimo articoloAuto usate: calano i prezzi, crescono le vendite