Garanzie accessorie: val la pena inserirle?

Integrabili a discrezione del cliente, risultano convenienti o meno secondo certe abitudini.

Garanzie accessorie

Sottoscrivere l’assicurazione non è facoltativo. Tuttavia, sta ai clienti valutare singolarmente se inserire o meno garanzie accessorie nel contratto. Per alcuni inserirle dimostra assennatezza, mentre altri potrebbero pure farne a meno. Dipende insomma da caso a caso e dunque, prima di accettare determinati accordi, conviene considerare il nostro stile di guida e altri fattori.

Garanzie accessorie: quando salta la copertura

Il campo è piuttosto ampio, comprendendo Incendio e furto, Atti vandalici, Eventi naturali, Kasko e altre ancora. Le franchigie, importo economico stabilito in opportuna sede, resta vostro carico qualora si verifichi un evento pre-stabilito. Prendete nota anche degli scoperti, espressi in percentuale. Non c’è diritto al risarcimento nell’eventualità di sinistri provocati da vostro dolo, cioè provocato volontariamente. Idem per il dolo delle persone che convivono con voi. E neppure per la partecipazione a gare o competizioni sportive e alle relative prove ufficiali. Prestate dunque la vostra vettura solo a amici o familiari affidabili. Per quanto abbiate fiuto nel capire pregi e difetti di chi vi sta intorno, capita di riporre male la propria fiducia. Una dura lezione, in quanto butterete all’aria i soldi spesi per le garanzie accessorie.

Garanzie accessori: limiti

Mentre scriviamo, la copertura che rimborsa ogni evento non è stata ancora introdotta. Piuttosto le compagnie impongono chiari limiti, consistenti generalmente in: guerre, rivoluzioni, insurrezioni, rivolte, occupazioni militari, atto di danneggiamento volontario. Frequentemente inseriti pure tumulti, manifestazioni turbolente o violente, scontri con le Forze dell’Ordine, risse. Impossibile definire le condizioni contrattuali che vanno bene a chiunque. Quasi infinite le variabili di cui tener conto: auto, città di residenza, possibilità di lasciare la macchina in box di notte, numeri di chilometri percorsi in un anno, tipo di percorsi, classe di merito. Parametri che incidono sul rischio sinistro e sarà compito del vostro assicuratore darvi validi consigli, soddisfando le esigenze del cliente.

Come giudichi l'articolo?
[Totale: 0 Media: 0]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

diciannove − quattro =