Garanzia imprevisti da circolazione: punti fondamentali, massimali e franchigia

La "Collisione con animali" e la "Collissione con auto non identificate"

Essendo libero il mercato delle polizze assicurative, le compagnie hanno ampia libertà sulle condizioni contrattuali. Vale anche per la “Garanzia imprevisti da circolazione”.

COLLISIONE CON ANIMALI

Il suo scopo è risarcire le conseguenze di due sfortunate eventualità. Prima la copertura  “Collisione con animali d’affezione, da reddito o protetti. Significa una cosa semplice: se andate a sbattere contro un povero animale in strada, e la macchina si danneggia (basti pensare a un cinghiale con le conseguenze per l’essere vivente e per la vostra vettura), tutti i danni al veicolo vi verranno rimborsati dalla compagnia. Chiaramente, servirà provare per quanto possibile l’impatto con l’animale, anche dopo un’eventuale perizia assicurativa. Questa prima copertura non rimborsa i costi di traino, deposito, reimmatricolazione e/o revisione. Verrete tutelati solo per i danni alla macchina. Niente indennizzo neppure per una qualsiasi interruzione di attività, ossia se l’incidente ha creato una perdita sotto il profilo professionale (magari stavate andando a un appuntamento di lavoro).

COLLISIONE CON AUTO NON IDENTIFICATE

L’altro tipo di garanzia è la “Collisione con auto non identificate”. L’esempio è facile: un automobilista vi taglia la strada, e poi scappa, senza dare i propri dati, trasformandosi in pirata. La vostra compagnia riconosce un risarcimento per i danni subiti dalla vettura. Purché, anche in questo caso, ci siano tutti i presupposti del rimborso: serve dimostrare in qualche modo che i danni sono dovuti a un impatto contro un pirata della strada. Tecnicamente, inoltre, le clausole assicurative parlano di garanzia che opera se il sinistro è stato ritenuto totalmente risarcibile dal Fondo vittime della strada (risarcisce anche i danni da veicolo non identificato).

MASSIMALI E FRANCHIGIA

Nel contratto “Garanzia imprevisti da circolazione” potrebbero esserci clausole importanti come i massimali, ossia gli importi massimi risarciti. Che magari variano a seconda del prezzo dell’auto assicurata. Inoltre, resta a vostro carico la franchigia, pari a qualche centinaio di euro.

Come giudichi l'articolo?
[Totale: 0 Media: 0]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

2 × 2 =