Noleggio a lungo termine: i 10 modelli più scelti dagli italiani

Nel primo semestre il settore del noleggio a lungo termine ha registrato una decisa crescita, +47% di immatricolazioni

Noleggio a lungo termine

Una delle poche certezze nel complesso mercato delle auto è l’incremento del noleggio a lungo termine. Questa tendenza è evidenziata dai dati emersi nell’analisi semestrale sulla mobilità pay-per-use condotta da Aniasa, l’Associazione che, all’interno di Confindustria, rappresenta il settore dei servizi di mobilità.

Oltre 1,3 milioni di auto in affitto

Nel corso del primo semestre dell’anno, il settore del noleggio ha sperimentato un aumento, registrando un aumento del 47% nelle immatricolazioni, con un totale di 308.950 veicoli. Si tratta del 33% delle nuove immatricolazioni di veicoli circolanti sulle strade italiane. In particolare, il noleggio riveste un ruolo determinante nella diffusione di veicoli a basse o zero emissioni, contribuendo al 34% delle nuove vetture elettriche e al 63% dei veicoli ibridi plug-in, sebbene la popolarità generale di tali alimentazioni rimanga ancora contenuta tra gli italiani.

La flotta circolante nel Paese ha superato la soglia di un milione e 300 mila veicoli, di cui 1.197.000 sono soggetti a noleggio a lungo termine da parte di aziende, pubbliche amministrazioni e privati con partita Iva o codice fiscale. I rimanenti 135.000 veicoli sono stati noleggiati a breve termine per esigenze turistiche o di business. Nonostante un recupero in corso, il settore non ha ancora recuperato completamente i volumi pre-pandemia, evidenziando una perdita del 17,5% rispetto al 2019.

Sono evidenti miglioramenti nelle difficoltà di approvvigionamento dei veicoli riscontrate in passato, come dimostrato dalla riduzione dei prezzi per il noleggio, scesi del 9,4% rispetto al 2022. Altri indicatori positivi includono l’incremento del giro d’affari (+21%), il prolungamento dei giorni medi di noleggio (+4%) e un modesto aumento nel numero di veicoli (+1%).

Nonostante questi progressi, gli operatori del settore vedono ancora margini di miglioramento, soprattutto alla luce dei segnali positivi della Legge Delega. Alberto Viano, presidente di Aniasa, sottolinea l’opportunità di accelerare questo processo con l’imminente Legge di Bilancio.

Questa legislazione, basandosi anche su quanto previsto dalla Legge Delega, potrebbe alleviare la pressione fiscale sulla mobilità delle aziende italiane, aumentando la deducibilità dei costi associati alle auto a basse o zero emissioni. Questo risultato auspicato da anni porrebbe le imprese nazionali su un piano paritario con le loro controparti europee, eliminando il divario patito su questa rilevante voce di costo.

La top ten dei modelli più noleggiati a lungo termine

L’analisi condotta da Aniasa ha fornito anche la classifica dei primi dieci modelli più frequentemente noleggiati nel corso del primo semestre. Sono:

  • Fiat Panda
  • Dacia Sandero
  • Lancia Ypsilon
  • Fiat 500
  • Jeep Renegade
  • Toyota Yaris Cross
  • Volkswagen T-Roc
  • Fiat 500X
  • Dacia Duster
  • Renault Captur.

Questa classifica mostra una correlazione diretta con la graduatoria assoluta delle immatricolazioni, che a fine agosto vedeva solo la Captur al di fuori delle prime dieci, sostituita dalla Ford Puma. Relativamente alle marche, la classifica è la seguente: Fiat, Volkswagen, Toyota, Peugeot, Ford, Dacia, Renault, Jeep, Audi e BMW.

Articolo precedenteAudi A4 Allroad 40 TDI S tronic: alla scoperta della nuova wagon
Prossimo articoloAuto nuova: 10 consigli utili per risparmiare

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here