Porsche Taycan: più veloce, più potente e con più autonomia

Per ciascuna delle varianti della Porsche Taycan, vengono proposte quattro opzioni di powertrain: base, 4S, Turbo e Turbo S

Porsche Taycan

Rispetto alla sua prima iterazione del 2019, la nuova Porsche Taycan ha subito miglioramenti in diversi ambiti: è stata resa più leggera, ha beneficiato di una batteria di maggiore capacità, è dotata di un powertrain evoluto caratterizzato da motori più compatti e potenti, un nuovo inverter a impulsi con software ottimizzato e un miglior sistema di gestione termica della ricarica. Sono quindi state apportate migliorie stilistiche e in termini di comfort.

Queste ottimizzazioni hanno reso la Taycan più performante, con un’accelerazione da 0 a 100 km/h ora coperta in soli 2,4 secondi (un miglioramento di 0,6 secondi), una maggiore autonomia che raggiunge i 678 km nella versione a trazione posteriore e una riduzione del tempo di ricarica a metà rispetto al modello precedente.

La gamma della Taycan comprende tre varianti di carrozzeria: dalla berlina sportiva Taycan, alla versatile Taycan Cross Turismo, che è disponibile anche con un pacchetto off-road, fino alla sportiva Taycan Sport Turismo.

Nuova spinta per Porsche Taycan

Per ciascuna delle varianti della Porsche Taycan sono proposte quattro opzioni di powertrain: base, 4S, Turbo e Turbo S, con varianti disponibili sia a trazione posteriore che integrale. Dettagliare i dati relativi a tutte le combinazioni possibili potrebbe generare confusione, ma alcuni numeri sono degni di nota.

La potenza del motore elettrico standard è di 570 kW (775 CV), con la possibilità di incrementarla nella versione Turbo S di ulteriori 60 kW grazie alla funzione Overboost e addirittura di altri 70 kW con la funzione Push-to-pass, portando la potenza massima a 700 kW, equivalenti a oltre 950 CV, seppur per un breve periodo di tempo.

Nei modelli dotati del pacchetto Sport Chrono e della Performance Battery Plus, Porsche ha introdotto un pulsante integrato sul volante, ispirato al mondo delle corse, che fornisce una spinta extra per un massimo di 10 secondi. Questa funzione, nota come effetto warp, garantisce un’accelerazione straordinaria che schiaccia gli occupanti sui sedili, utile per sorpassi rapidi.

Le sospensioni attive, optional rispetto a quelle adattative ad aria, mitigano il beccheggio e il rollio, rendendo l’accelerazione repentina più confortevole. Consentono una migliore distribuzione della coppia per la stabilità posteriore durante la guida e la possibilità di sollevare l’assetto della vettura per agevolare l’ingresso, l’uscita o per superare ostacoli come rampe e dossi.

La nuova batteria da 105 kWh offre una maggiore capacità rispetto alla precedente da 93,4 kWh, è più leggera e presenta una densità energetica superiore, raggiungendo oltre 168 Wh per chilogrammo.

Tempi di ricarica ridotti per Porsche Taycan

Porsche ha dedicato impegno per ottimizzare i tempi di ricarica della Taycan. Grazie alla tecnologia delle colonnine a 800 volt in corrente continua, il veicolo può supportare picchi fino a 320 kW, con valori addirittura superiori riscontrati in dimostrazione pratica. Questa capacità rappresenta un incremento di 50 kW rispetto alle versioni precedenti, consentendo alla vettura di ricaricarsi dal 10% all’80% della batteria in soli 18 minuti. In modalità di decelerazione, il sistema raggiunge un’efficienza di ricarica fino a 400 kW, mentre la ricarica in corrente alternata presso le colonnine è limitata a 11 kW.

Questi miglioramenti sono stati possibili grazie a un’ottimizzazione della gestione termica della ricarica, che permette un più ampio intervallo di temperature operative e quindi un maggior utilizzo della massima potenza di ricarica.

Sul fronte estetico, Taycan ha ricevuto lievi aggiornamenti, tra cui un cofano leggermente più lungo, nuovi parafanghi e l’introduzione di nuovi fari a Led con una matrice di 32.000 punti controllabili individualmente per creare precise zone d’ombra e ridurre l’abbagliamento per gli altri utenti della strada. La scritta Porsche nella fascia luminosa posteriore presenta una grafica tridimensionale a effetto vetro e giochi di luce dinamici. Il nuovo design dei cerchi da 21 pollici contribuisce in modo significativo ad aumentare l’autonomia, consentendo di guadagnare oltre 40 km in autonomia rispetto ai modelli precedenti.

Con oltre 150.000 unità vendute in tutto il mondo finora, la nuova versione della Taycan arriverà presso i concessionari in primavera, presentando solide prospettive per replicare il successo ottenuto fino a questo momento.

Articolo precedenteBYD Seal U, test drive fra tecnologia, comfort e autonomia
Prossimo articoloOmoda E5, elettrica da 430 chilometri di autonomia