Nio EL6, il suv cinese che vuole stupire anche in Italia

Nio EL6 è una sintesi di tecnologia avanzata oltre alla caratteristica del battery swap, rivoluzionando l'interazione tra pilota e veicolo

Nio EL6

L’acquisto della Nio EL6 sarà possibile a partire dal 2025, ma già dai primi contatti emergono caratteristiche che ne giustificano l’attesa. Prestazioni elevate, tecnologia all’avanguardia e finiture di alta qualità sono solo alcuni degli elementi che contraddistinguono questa nuova vettura della Nio.

Fondata nel 2014 da William Li, la Nio è un’azienda automobilistica cinese con sede a Shanghai, specializzata nella produzione di veicoli completamente elettrici. Negli ultimi anni, ha fatto il suo ingresso in Europa, concentrando le sue attività principalmente nei mercati nordici e in Germania.

Alla scoperta del nuovo Nio EL6

Nio EL6 è un suv completamente elettrico che adotta un motore a induzione da 150 kW sull’asse anteriore e un motore a magneti permanenti da 210 kW sull’asse posteriore, garantendo una potenza totale di 360 kW (equivalenti a 490 CV) e una coppia massima di 700 Nm. Grazie a questa configurazione, il veicolo può accelerare da 0 a 100 km/h in 4,5 secondi. Il sistema frenante, composto da quattro pistoncini, è prodotto internamente da Nio e consente di fermare il veicolo da 100 km/h in soli 34,5 metri.

La gestione dinamica è affidata a sospensioni a cinque bracci e a un sistema di controllo degli ammortizzatori, con possibilità di scegliere tra cerchi da 20 e 21 pollici. La batteria è disponibile in due capacità, rispettivamente da 75 kWh e da 100 kWh, offrendo un’autonomia dichiarata di 406 km e 529 km. Un aspetto interessante è la possibilità di sostituire la batteria presso specifiche Power Station in meno di 5 minuti, oltre alla ricarica tradizionale.

Questo approccio, sebbene non nuovo, offre vantaggi significativi soprattutto per ottimizzare il tempo durante i lunghi viaggi, sebbene sia necessario considerare gli sforzi attuali dell’industria per ridurre i tempi di ricarica.

Un ostacolo potenziale è la necessità di espandere la rete di Power Station, responsabile anche dello stoccaggio e della ricarica delle batterie sostituite, sia in Italia che in Europa. Oggi solo 27 stazioni sono operative, rendendo necessaria una più ampia implementazione per sfruttare appieno questa tecnologia.

Per cosa stupisce Nio EL6

Nio EL6 è una sintesi di tecnologia avanzata oltre alla caratteristica del battery swap, rivoluzionando l’interazione tra pilota e veicolo. Questo suv è dotato di un complesso sistema di sensori, con un totale di 33 unità, che abilitano la guida semi-autonoma.

Il veicolo offre nove modalità di guida, compresa una personalizzabile che consente all’utente di regolare parametri come lo sterzo, le sospensioni, la frenata rigenerativa e la distribuzione di potenza.

Il sistema di infotainment, sviluppato internamente, è in costante evoluzione e include un assistente vocale chiamato Nomi, dotato di Intelligenza Artificiale. Questo assistente, rappresentato da una sfera robotica al centro del cruscotto, non solo gestisce chiamate e musica, ma fornisce un controllo completo delle funzioni del veicolo, incluso l’apertura di finestrini e tetto, oltre a fornire informazioni sull’autonomia residua e sui punti di interesse lungo il percorso.

Gli interni dell’EL6 sono caratterizzati da finiture premium e soluzioni ergonomiche, come la base di ricarica dello smartphone a vista, i pulsanti programmabili sul volante, il tunnel a due piani e uno scompartimento centrale apribile sia verso il passeggero che verso il conducente, con la possibilità di bloccarlo tramite una password.

Articolo precedenteLexus UX 300e, la prova del suv elettrico di lusso da 305 chilometri
Prossimo articoloAttestato di rischio perso: cosa fare