Ideare nuove auto non è cosa da tutti. Fondamentale comprendere in anticipo come cambiano i gusti della potenziale clientela. Mission centrata in pieno dalla Opel Calibra.

NASCITA

Presentata al Salone di Francoforte del 1989 la due porte di Russelsheim colpisce subito per la sua aerodinamicità con un eccellente Cx di 0,26. Modello che non rientra nella gamma sportiva, anzi, è una coupé a misura di famiglia. Quattro i (comodi) posti comodi e ampio il bagagliaio. Al debutto il pigro motore 2.0 a benzina da 115 CV, affiancato, l’anno successivo, da un altro 2.0, ma a 16 valvole e dotato di 150 CV. Nel 1990 arriva anche la trazione integrale, offerti su entrambi i motori e dotata di un sistema di gestione elettronica che permette di svincolare l’asse posteriore quando non serve.

AFFERMAZIONE

Le prestazioni migliorano sensibilmente solo nel 1992, quando grazie al turbo il 2.0 tocca quota 204 CV (trazione 4×4): performance di ottimo livello soprattutto per quanto riguarda la velocità massima, che tocca i 245 km/h complice la già citata aerodinamicità della vettura. Due anni più avanti ecco un 2.5 V6 da 170 CV, V6 come la macchina da competizione con cui Manuel Reuter conquista il campionato ITC 1996, diretto discendente del glorioso DTM.

CHIUSURA IN STILE

L’anno dopo il suo trionfo sportivo rappresenta pure l’ultimo della Calibra.  Lanciata la Last Edition con assetto dinamico, cerchi in lega BBS, sedili in pelle e aria condizionata. Disponibili i propulsori motori 2.5 V6 e 2.0 da 136 CV. Sorprendenti i 238.647 esemplari fabbricati in 8 anni. Un numero che coglie di sorpresa chiunque, in primis Opel, che alla produzione di 20.000 unità all’anno nella fabbrica di Russelsheim, si vede costretta ad aggiungerne altri 60.000 in quella finlandese della Valmet. Mercato leader la Germania, seguita da Regno Unito, Italia, Spagna e Francia. Risultati ottenuti malgrado la serrata concorrenza, comprensiva di Honda Prelude, Mitsubishi Eclipse, Nissan 200SX e Fiat Coupé.

Come giudichi l'articolo?
[Totale: 4 Media: 4.3]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

3 × due =