Lamborghini 634, arriva la spinta del V8 biturbo con sistema ibrido

Sono 800 i CV per la seconda vettura High Performance Electrified Vehicle della casa automobilista emiliana

Il debutto della Lamborghini 634 è previsto entro l’anno, ma il suo motore è già pronto a sorprendere. Con questo nome in codice, la 634 sarà la seconda supersportiva della casa di Sant’Agata Bolognese nella gamma High Performance Electrified Vehicle, e monterà un propulsore completamente nuovo.

Un motore V8 per la nuova Lamborghini supersportiva

Il cuore della 634 è un V8 biturbo abbinato a un sistema ibrido con tre motori elettrici e un cambio a doppia frizione a 8 marce. Il motore ha una cilindrata di 4.0 litri e raggiunge una potenza specifica di 200 CV per litro, erogando un massimo di 800 CV tra i 9.000 e i 9.750 giri al minuto. Progettato per toccare un regime massimo di 10.000 giri al minuto, un traguardo tipico delle vetture da competizione, il V8 biturbo promette prestazioni di primissimo piano.

L’unità elettrica, posizionata tra il motore termico e il cambio, genera fino a 300 Nm di coppia e 110 kW a 3.500 giri al minuto, mantenendo dimensioni compatte e peso ridotto. Gli ingegneri Lamborghini hanno curato anche il sound del propulsore, che raggiunge il suo apice a regimi elevati, creando un’esperienza sensoriale completa grazie alle vibrazioni trasmesse al telaio dall’albero motore piatto.

Questo lancio si inserisce nel piano Direzione Cor Tauri, il percorso che sta guidando Lamborghini verso una progressiva elettrificazione della gamma, segnando una nuova era per la storica casa automobilistica italiana.

Performance superiori rispetto alla gamma Huracán

Lamborghini si prepara a lanciare la 634, nome in codice della seconda supersportiva della gamma High Performance Electrified Vehicle. Questo modello sarà dotato di un motore V8 biturbo abbinato a un sistema ibrido con tre motori elettrici e un cambio a doppia frizione a 8 marce, lo stesso introdotto sulla Revuelto, ma ottimizzato per questa nuova vettura. La potenza complessiva supererà i 900 CV.

Il nuovo propulsore, sviluppato da zero a Sant’Agata Bolognese, punta a offrire performance superiori rispetto alla gamma Huracán, combinando la linearità di progressione tipica del V10 Lamborghini con la potenza e la coppia specifica di un moderno motore turbo.

Il V8 biturbo, con una cilindrata di 4.0 litri, raggiunge una potenza specifica di 200 CV/litro e una potenza massima di 800 CV tra i 9.000 e i 9.750 giri/minuto. Il motore è capace di toccare un regime massimo di 10.000 giri/minuto, un traguardo generalmente riservato ai motori da competizione, rendendo il nuovo V8 un punto di riferimento nel panorama delle supersportive stradali. La coppia motrice, con un valore di 730 Nm tra i 4.000 e i 7.000 giri/minuto, offre una progressione simile a quella di un motore da corsa, grazie all’integrazione con l’unità elettrica.

Il sistema elettrico posteriore, posizionato tra il motore termico e il cambio a doppia frizione, include l’inverter e un’unità elettrica di tipo assiale. Questo sistema è capace di generare una coppia massima di 300 Nm e 110 kW a 3.500 giri/minuto, mantenendo dimensioni compatte e peso ridotto.

Particolare attenzione è stata dedicata al sound del nuovo propulsore per creare un’esperienza di guida unica. Il V8 esalta le sue caratteristiche con un crescendo che raggiunge il picco a regimi elevati, armonizzandosi con le vibrazioni trasmesse al telaio dall’albero motore piatto e offrendo un’esperienza sensoriale coinvolgente.

Articolo precedenteJeep Avenger 4xe, come va il suv con la trazione integrale
Prossimo articoloMercedes Classe A, B, GLA ed EQA, la nuova serie digitale in edizione limitata