La crisi del magnesio colpisce l’industria delle auto, ecco i motivi

Qualcosa di semplice come una ruota in lega o un disco freno ha il magnesio nella sua composizione

Dopo lo stop del 2020 dovuto alla pandemia, l’industria automobilistica deve fare i conti nel 2021 con la mancanza di semiconduttori che limita la sua produzione di auto e con i prezzi del trasporto marittimo che sembrano salire senza sosta. Si prospetta un’altra crisi? Probabilmente sì: entro il 2022 i marchi automobilistici e i loro fornitori dovranno capire come ottenere il magnesio.

La carenza globale di magnesio potrebbe portare a uno stop quasi totale nell’industria automobilistica che, secondo gli esperti, potrebbe verificarsi anche entro la fine dell’anno. Il magnesio è poco utilizzato direttamente in macchina (brucia facilmente), ma fa parte di un altro materiale molto utilizzato in questo settore, l’alluminio.

Carenze di magnesio, perché si ripercuote nel mercato delle auto

Pertanto, la crescente carenza di materie prime essenziali per l’alluminio utilizzato nella fabbricazione di automobili rischia di aggravare una situazione già piuttosto tesa a causa della mancanza di approvvigionamento. Non stiamo parlando solo di modelli esclusivi con telaio o carrozzeria completa in alluminio.

Anche componenti più semplice, come una ruota in lega o un disco freno hanno il magnesio nella sua composizione. Ricordiamo che l’industria automobilistica in Europa impiega direttamente 2,6 milioni di persone e che nel complesso il comparto impiega indirettamente altri 10 milioni di persone in Europa.

“Il 35% della domanda di magnesio è per lamiere, quindi se l’offerta di magnesio si interrompe, l’intera industria automobilistica sarà potenzialmente costretta a fermarsi”, spiega l’analista di Barclays Amos Fletcher in un rapporto citato dal Financial Times. Le scorte di magnesio in Europa si stanno esaurendo e si profila una carenza a causa della mancanza di forniture dalla Cina, afferma l’associazione dei produttori di metalli tedeschi, WVM. E avverte che “le attuali scorte di magnesio in Germania e in tutta Europa dovrebbero esaurirsi entro la fine di novembre 2021”.

E non solo in Europa. Alcoa, il più grande produttore di alluminio al mondo, ha visto alcuni dei suoi fornitori negli Stati Uniti smettere di consegnare materie prime, invocando clausole di forza maggiore. Queste consentono ai fornitori di sospendere le consegne per circostanze al di fuori del loro controllo senza essere penalizzati. Aziende come Matalco, hanno già avvertito i propri clienti che non saranno in grado di acquistare tutto il magnesio di cui hanno bisogno entro il 2022. La conseguenza è che ridurrà la sua produzione e attuerà un razionamento delle consegne.

Perché non c’è il magnesio?

Perché non c’è il magnesio? Semplicemente perché il più grande fornitore mondiale di magnesio, la Cina, ha chiuso il rubinetto. E il colosso asiatico, a causa della sua crisi energetica, ha visto salire alle stelle i costi del settore siderurgico, enorme consumatore di energia. Per compensare questi costi, il prezzo di vendita dei metalli e delle materie prime deve essere più alto. E il modo migliore per vendere a prezzi più alti è limitare l’offerta.

Di conseguenza la Cina ha limitato le sue esportazioni di magnesio. E tutto indica che farà lo stesso con la fornitura di silicio. È un altro minerale essenziale per l’industria automobilistica, poiché è incluso nella composizione di una moltitudine di elementi in leghe metalliche, come ruote o un braccio di sospensione.

Articolo precedenteTuning auto, quali sono le modifiche consentite dalla normativa in vigore
Prossimo articoloVolkswagen Caddy: tutte le varianti, motori e dimensioni

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here