Guerra in Ucraina influenzerà il mercato dell’auto?

La guerra in Ucraina avrà ripercussioni sull'automobile e la sua industria? Dipenderà dalla durata del conflitto e dalle sanzioni che rimarranno alla Russia

Capire come la guerra in Ucraina influenzerà l’automobile e la sua industria in Italia non è così semplice perché è ancora prematuro arrivare a una conclusione.

Escludendo in linea di principio l’estensione del conflitto ad altri territori e l’uso di armi nucleari, a cui il ​​Cremlino potrebbe fare ricorso solo a fronte di un rischio di sussistenza per il proprio Stato, le conseguenze dipenderanno soprattutto dalla durata del conflitto e le sanzioni.

Il modo in cui la guerra in Ucraina influirà sull’industria dell’automobile sarà fortemente influenzato dalla durata dell’invasione russa. Il prezzo degli idrocarburi, in particolare del gas, è già salito, come sempre di fronte a qualsiasi conflitto geopolitico. Tuttavia, se la guerra continua, il costo del carburante potrebbe rimanere elevato o aumentare ancora, poiché la Russia è il principale esportatore di energia verso la maggior parte dei paesi dell’Unione europea.

Quale impatto sull’industria dell’auto dalla guerra in Ucraina

Il costo dell’energia sarà il fattore che avrà il maggiore impatto sull’industria italiana, compresa quella automobilistica, a seguito della guerra in Ucraina. Tuttavia, anche le materie prime stanno aumentando i prezzi da più di un anno e, da parte sua, anche la Russia sta esercitando pressioni sull’Unione europea da tempo.

La scorsa estate Putin ha già cercato di fermare di fatto le esportazioni di acciaio e alluminio verso la Germania, la cui industria automobilistica era la destinazione principale.

Negli ultimi 12 mesi, questa merce è aumentata del 54%. Certo, è nei materiali più rari, come il nichel o il palladio, dove potrebbe esserci un impatto maggiore della guerra in Ucraina sull’auto. Soprattutto per quanto riguarda i veicoli elettrici e ibridi, dove questi metalli svolgono un ruolo essenziale nella fabbricazione di componenti come le batterie.

Decisive le sanzione alla Russia

D’altra parte, anche le conseguenze economiche dell’invasione dell’Ucraina dovranno essere calibrate sulla durata delle sanzioni economiche imposte dall’Unione europea. La presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, ha annunciato domenica scorsa il più grande pacchetto di sanzioni mai effettuato dall’Unione europea. In particolare, l’esclusione delle principali istituzioni finanziarie russe dal sistema Swift ha reso l’economia russa quasi autosufficiente da marzo.

Le due maggiori banche russe non possono più negoziare nelle principali valute estere, lasciando il Paese incapace di effettuare transazioni internazionali, ad esempio per vendere materie prime o acquistare cibo.

Putin conta sulla Cina come alleato per, per quanto possibile, schivare temporaneamente questi ostacoli. In ogni caso , è chiaro che l’economia russa – il rublo è già ai minimi storici – sarà, dopo quella ucraina, quella più colpita dalla guerra , ma l’impatto finirà per raggiungere molti più paesi in un modo o nell’altro.

Articolo precedenteKia EV6 è la migliore Auto dell’anno 2022 in Europa
Prossimo articoloPneumatici auto, quando vanno cambiati

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here