Auto dell’anno 2024: chi vincerà? Candidate e favorite

Il nuovo riconoscimento Car of the Year, istituito nel 1964 celebrare la vettura più importante dell'anno 2024

Car of The Year 2024

Manca meno di un mese dall’elezione della vincitrice del premio Car of The Year 2024. Il 26 febbraio, in concomitanza con l’apertura del rinato Salone di Ginevra, la giuria composta da 59 giornalisti europei decreterà l’auto dell’anno.

Le vetture candidate al premio 2024 si distinguono per la prevalenza di propulsioni elettriche, con la quasi totalità dei modelli disponibili sia in versione ibrida sia completamente elettrica, ad eccezione della Toyota C-HR, che offre una motorizzazione ibrida o plug-in.

BMW Serie 5 e Peugeot 3008 propongono propulsori endotermici ibridi, confermando l’attuale transizione verso soluzioni di mobilità più sostenibili senza però abbandonare le tecnologie tradizionali.

Ad eccezione delle berline BMW e BYD, tutte le altre vetture in lizza per il premio sono suv, evidenziando il continuo interesse del mercato europeo verso questo segmento di veicoli.

Auto dell’anno 2024, che premio è

Il riconoscimento The Car of the Year, istituito nel 1964 per celebrare la vettura più importante dell’anno, è promosso da nove riviste automobilistiche europee, con l’Italia rappresentata da Auto. L’autorevolezza di questo premio è confermata dalla vasta partecipazione di 59 giornalisti specializzati nel settore automobilistico provenienti da 22 Paesi.

Dopo l’analisi delle vetture candidate, i giurati hanno selezionato sette finaliste, esprimendo le loro valutazioni. Il numero di giornalisti votanti per ciascuna nazione è proporzionale all’importanza del mercato automobilistico del Paese, variando da 1 a un massimo di 6 votanti.

I voti finali dei giurati sono resi pubblici, insieme alle motivazioni delle loro scelte, confermando ulteriormente l’autorevolezza del premio e il suo status di riconoscimento nel settore automobilistico, tanto da essere altamente considerato dalle case automobilistiche.

Le 7 candidate ad Auto dell’anno 2024

BMW Serie 5/i5 è apprezzata per il suo livello di tecnologia integrata e per un design innovativo, caratteristiche che la collocano nella fascia delle berline di lusso di elevata prestanza. BYD Seal rappresenta la prima vettura di un marchio cinese a essere nominata finalista per il premio Auto dell’Anno. Tra i suoi punti di forza ci sono una costruzione di qualità, l’utilizzo di tecnologie batteristiche avanzate, un design europeo e un prezzo inferiore ai 50.000 euro.

EV9 di Kia si aggiudica nuovamente un posto tra le finaliste, segnando il terzo anno consecutivo per il marchio, presentando un imponente suv completamente elettrico con un design distintivo e un’abitabilità interna flessibile, promettendo di essere il fiore all’occhiello di una gamma interamente elettrica in via di sviluppo.

Peugeot 3008 è il debutto di Stellantis sulla nuova piattaforma STLA Medium, offrendo un mix di design, qualità dei materiali e un’autonomia di 600 km, posizionandosi come una solida candidata grazie a tali attributi.

Renault Scénic E-Tech Electric testimonia l’impegno del gruppo francese verso veicoli a zero emissioni, offrendo soluzioni spaziose per la famiglia e un’ampia autonomia grazie alla batteria.

Toyota C-HR conferma l’interesse del marchio giapponese per motorizzazioni ibride, offrendo sia versioni full hybrid che, a breve, anche plug-in hybrid. La nuova generazione del suv coupé compatto, sebbene mantenga alcune caratteristiche della versione precedente, presenta un design più dinamico e sportivo.

Volvo EX30 ha colpito la giuria per le sue eccellenti doti di guida e per un’autonomia superiore ai 400 km, a un prezzo competitivo rispetto alle vetture con motori tradizionali, rappresentando la prima Volvo ad essere costruita sulla nuova piattaforma dedicata alle auto elettriche.

Articolo precedenteNissan Qashqai, la prova su strada della versione e-Power
Prossimo articoloAuto aziendale: quando è legale installare il GPS

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here