Auto tasso zero: perché questa è la soluzione più conveniente

Questa soluzione si rivela adeguata per chi sceglie di pagare a rate, ma non vuole andare incontro a costi extra

auto tasso zero
Foto. Pixabay

Quando si acquista una nuova auto nella maggior parte dei casi si opta per un finanziamento per poter pagare con maggiore tranquillità. E’ comunque consigliabile verificare che questo sia a tasso zero per avere la certezza di una maggiore convenienza.

Auto a tasso zero: perché fare un finanziamento

Acquistare un’auto, sia che si opti per un modello nuovo sia per uno usato, comporta spesso un investimento non da poco. Optare per un pagamento a rate rappresenta quindi la soluzione migliore anche per non appesantire eccessivamente il bilancio familiare.

Prima di sottoscrivere un finanziamento diventa però fondamentale prestare attenzione a tutti i dettagli per non andare incontro a brutte sorprese. La cifra mensile da pagare e la durata non sono infatti gli unici fattori da prendere in considerazione. I concessionari spesso propongono una serie di soluzioni apparentemente allettanti, ma che in realtà sono state pensate soprattutto come esca per attirare i clienti senza tenere a mente il loro reale interesse.

L’Ivass (l’Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazione) è opportunamente informato del problema e si sta muovendo per garantire il più possibile trasparenza agli occhi dei clienti. Addirittura spesso vengono forniti pacchetti ad hoc che comprendono finanziamento e polizza assicurativa, ma che spesso sono tutt’altro che vantaggiosi. Non c’è però in realtà alcun obbligo di accettare questa situazione: è bene quindi vigilare al massimo per tutelare i propri interessi.

Auto a tasso zero: quali sono le caratteristiche del finanziamento

Una volta accertato di voler stipulare un finanziamento per pagare la vettura scelta, è fondamentale verificare che questo sia a tasso zero. Questa è certamente la soluzione migliore per chi desidera pagare a rate, ma in modo vantaggioso.

Ma in cosa consiste? Il nome deriva dalla mancanza di tassi di interesse, soluzione che rende adatta questa formula anche a chi non ha una grossa cifra a disposizione. Il prezzo originario della vettura viene così non solo dilazionato nel tempo, ma soprattutto non prevede alcun costo extra per il ritardo con cui l’importo viene saldato. Se questo non avvenisse, il costo del veicolo salirebbe senza quasi rendersene conto.

Auto tasso zero: mai trascurare i dettagli

Anche in questi casi l’attenzione non deve mai mancare. Troppo spesso, infatti, anche le offerte pubbliczzate come “tasso zero” nascondono qualche insidia.

Per avere la certezza che tutto sia trasparente devono essere verificati due elementi fondamentali. Ogni utente è chiamato a controllare due indici legati agli interessi: il il TAEG (Tasso Annuo Effettivo Globale) e il TAN (Tasso Annuo Nominale). Il primo si riferisce al costo complessivo su base annua e comprende, oltre agli interessi nominali, anche le spese accessorie richieste in fase di apertura di un finanziamento. Tra questi, possiamo citare le spese per l’avvio della pratica e altri rimborsi. Il secondo è invece il singolo tasso d’interesse sul valore nominale dell’importo finanziato.

Se entrambi questi fattori sono pari a zero allora significa che il tasso del finanziamento sarà effettivamente nullo.

Auto tasso zero: cosa cambia con le mini rate

Se la proposta di finanziamento non convince del tutto è possibile optare per le mini rate, una proposta sempre più diffusa tra le case automobilistiche. Questa soluzione si rivela adatta per chi desidera comunque rateizzare il pagamento, ma ha allo stesso tempo messo da parte un piccolo gruzzoletto.

Questa soluzione si rivela valida quando si ha una vecchia auto da dare in permuta da considerare sotto forma di acconto. Successivamente il cliente pagherà una serie di rate mensili (il numero è solitamente variabile). Una volta concluso questo periodo è richiesto un saldo finale, non sempre bassissimo. Nella maggior parte dei casi con questa formula il TAEG finisce per essere elevato.

Come giudichi l'articolo?
[Totale: 1 Media: 1]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

tre × due =