Vendita autovettura usata: i trucchi del mestiere

Ecco come risalire alla quotazione di mercato

Vendita autovettura usata

Vendita autovettura usata, rinnovo in vista. C’è l’intenzione di disfarsi della propria vettura. Mica per questo bisogna però rottamare.

Vendita autovettura usata: autorità in materia

Pubblicato un annuncio in uno dei tanti portali dedicati, si resta in attesa che potenziali compratori avanzino offerte. Ma per monetizzare al più presto è più opportuno contattare noicompriamoauto.it. È questione di pochi istanti per ottenere la valutazione del proprio mezzo. Non servono registrazioni: basta indicare la marca, il modello e l’anno di costruzione della vettura. Se intenzionati a concludere si fissa un appuntamento con la filiale più vicina per ricevere una valutazione definitiva e mettere nero su bianco. Il pagamento avviene esclusivamente a mezzo bonifico. Tutte le pratiche burocratiche necessarie sono a carico dell’Azienda. In alternativa è contattabile vendo-auto.it al numero verde 02 82950300.

Calcolo quotazione

Come ente super partes DAT-Italia, multinazionale fondata nel lontano 1931, fornisce stime attendibili. E ne dà comunicazione emanando un documento ufficiale. Analogamente, Eurotax, sfruttando una rete allargata di concessionari, pondera i valori in base al rapporto domanda-offerta. Sotto analisi vetture medie nelle percorrenze (10.000-25.000 chilometri l’anno a seconda della cilindrata e del tipo di alimentazione), in buono stato e prive di optional. Per quanto riguarda i non addetti ai lavori si lascia preferire il listino Quattroruote usato. Questo servizio rilascia una quotazione puntuale per anno, mese di immatricolazione, effettivo chilometraggio e principali equipaggiamenti. Per i veicoli più anziani consultare Ruoteclassiche.

Pericoli del mestiere

Il tipico caso che spinge a contattare queste compagnie è il previsto acquisto di una vettura nuova. Dare in permuta quella vecchia, e provvederne alla dismissione, conviene senz’altro sul piano economico. Tuttavia, tante incognite sono frapposte lungo il tragitto e può capitare di subire qualche truffa ben orchestrata. Pagamento con assegni falsi o rubati, organizzazioni malavitose che intendono riciclare denaro sporco, fantomatici acquirenti da Paesi esotici: le vie del “Signore” sono purtroppo infinite… A tutto questo vanno sommati gli adempimenti burocratici per le autentiche delle firme e per perfezionare il passaggio di proprietà e la trascrizione al PRA. Meglio perciò ponderare attentamente se cavarvela da soli o affidarsi ad esperti.

 

Come giudichi l'articolo?
[Totale: 0 Media: 0]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

2 × cinque =