La batteria dell’auto elettrica può essere riciclata e riutilizzata?

La batteria per auto elettrica conserva valore anche quando è molto usurata

La batteria è la parte più preziosa di un’auto elettrica e non è affatto casuale che dal punto di vista economico rappresenta circa un terzo del suo prezzo. A seconda del tipo di tecnologia e del comportamento dell’utente, può durare più di dieci anni nel veicolo. Ma cosa succede quando l’auto viene rottamata? In Europa, i produttori di veicoli elettrici sono tenuti a riciclare le proprie batterie. Cerchiamo allora di saperne di più.

Può essere riciclata la batteria di un’auto elettrica?

La batteria per auto elettrica conserva valore anche quando è molto usurata. Contiene grandi quantità di materiali preziosi e un notevole potenziale di riutilizzo commerciale. Non ha quindi assolutamente senso scaricarlo in discarica, in natura o inviarlo a un canale di lavorazione oscuro all’estero.

Una batteria da trazione è piuttosto capiente e pesa tra i 100 e i 600 kg. È impossibile maneggiarla a mani nude e trasportarla senza un veicolo e un’attrezzatura adeguati. C’è quindi un rischio notevolmente inferiore che finisca al di fuori di un circuito di riciclaggio, a differenza di una batteria in uno smartphone, un laptop o un altoparlante bluetooth.

Quando un veicolo elettrico danneggiato o a fine vita si rompe, la sua batteria viene rimossa. Nella stragrande maggioranza dei modelli, è imbullonato sotto il telaio. È quindi sufficiente posizionare la cabina su un ponte, scollegare l’interruttore e svitare l’accumulatore, che viene ricevuto su un carrello. L’operazione può essere eseguita dal cantiere di demolizione se dispone delle attrezzature e delle competenze adeguate, dalla casa automobilistica, che può inviare una squadra in loco in determinati casi o dall’azienda di riciclaggio autorizzata. Viene quindi spedito a un impianto di lavorazione.

La seconda vita delle batterie delle auto elettriche

La seconda vita consiste nel riutilizzare la batteria quando non è più in condizioni sufficienti per alimentare un veicolo, ma dispone di potenza e capacità sufficienti per essere utilizzata in un sistema di stoccaggio fisso. Può quindi essere utilizzato per immagazzinare energia rinnovabile prodotta da un individuo, un’azienda o un gestore di rete elettrica. La maggior parte delle case automobilistiche ha già realizzato progetti di seconda vita con le proprie batterie. Quando una batteria è troppo degradata per questo uso, viene inviata a un’unità di riciclaggio.

I rifiuti residui, principalmente materie plastiche trattate per resistere al fuoco e particelle filtrate dai camini durante il processo di riciclaggio, vengono conferiti in fusti e interrati in apposite discariche autorizzate. Il progresso tecnologico nel riciclaggio e nell’eco-design dovrebbe consentire di avvicinarsi al 100% di recupero in futuro.

Articolo precedenteJaguar F-Pace SVR, il suv ad alte prestazioni
Prossimo articoloAuto ibride, come si ricaricano con le tecnologie attuali

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here