Fusibili auto elettriche, a cosa servono e come cambiarli

Ogni auto ha una scatola differente di fusibili

Se l’impianto elettrico dell’auto smette di funzionare, il motivo è quasi sempre da ricondurre a un fusibile bruciato. Luci, vetri elettrici, alert acustico, radio: è facile che la ragione sia questa. I fusibili sono piccoli dispositivi di sicurezza che proteggono gli elementi elettrici dell’auto. In caso di eccesso di intensità di corrente che potrebbe danneggiare impianto elettrico, interviene il fusibile che interrompe il flusso di corrente elettrica. In pratica quando sopraggiunge una sovracorrente, il filamento fonde provocando l’apertura del circuito.

I fusibili sono classificati in base agli amplificatori che possono supportare. L’ampere è l’unità di misura dell’intensità della corrente elettrica. Più potente è l’elemento da proteggere, maggiore è l’intensità supportata dal filo conduttore ovvero l’elemento fusibile vero e proprio con una portata amperometrica diversa in base alla funzione.

A cosa servono i fusibili nell’auto

Il primo aspetto di cui tenere conto è ogni auto ha una scatola differente di fusibili. In linea di massima, quelli inferiori a 10 ampere proteggono l’airbag, l’allarme o il sensore di parcheggio. Quelli di 10 ampere sono utilizzati per sistemi come luci, apparecchiature audio o chiusura centralizzata. I fusibili da 15 ampere sono utilizzati per i tergicristalli, le luci dei freni o la pompa del carburante.

Quelli da 20 ampere proteggono il riscaldamento del sedile, il tetto apribile o l’accendisigari. Infine, i fusibili con oltre 20 ampere si occupano dei finestrini, del motorino di avviamento o del condizionatore d’aria. La scatola dei fusibili si trova di solito sotto il volante, nascosta nella zona che separa il cruscotto e la portiera del conducente. In ogni caso è sufficiente consultare il manuale dell’auto per individuarla.

Come fare a cambiare un fusibile bruciato?

Come fare a cambiarli? In prima battuta occorre appunto individuarli e scoprirli rimuovendo il coperchio di plastica che li nascondono. Quindi è necessario capire quale fusibile non funziona ovvero quale servizio non funziona. In questo caso è fondamentale la consultazione del manuale. Il terzo passaggio è la rimozione del fusibile danneggiato.

Per farlo è necessario estrarre il filo conduttore nel quale passa la corrente del circuito. Sebbene sia possibile farlo senza strumenti, è molto più comodo e semplice utilizzare pinzette speciali. Infine, occorre sostituire il fusibile bruciato con uno integro, inserendolo nel foro apposito e rimettendo il coperchio di plastica.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

4 × 4 =