Alternatore auto, cos’è e come funziona. E se si accende la luce nel cruscotto?

L'alternatore produce corrente alternata che ottiene attraverso un meccanismo di azionamento guidato da un motore a combustione

L’alternatore è l’elemento del circuito elettrico dell’auto con il compito di trasformare l’energia meccanica in energia elettrica, fornendo così un’alimentazione elettrica durante il funzionamento del veicolo. L’alternatore fornisce corrente elettrica, destinata a ricaricare e mantenere la carica della batteria, nonché a fornire energia a tutti i sistemi elettrici che lo richiedono. A oggi, i veicoli incorporano un gran numero di componenti che richiedono alimentazione e molti di questi sistemi potrebbero non funzionare correttamente in caso di piccolo guasto.

Corrente alternata ottenuta con un meccanismo di azionamento

L’alternatore è costituito dalla puleggia che riceve la forza meccanica dal motore a combustione termica attraverso una cinghia. Poi c’è il rotore ovvero la parte mobile dell’alternatore che è formata da un elettromagnete che riceve corrente dal regolatore attraverso anelli di attrito situati sull’albero. Il regolatore è invece responsabile del mantenimento di una tensione di uscita massima dell’alternatore di 14,5 volt e della regolazione degli amplificatori necessari alla batteria.

Poi c’è lo statore, la parte fissa su cui si trova l’avvolgimento trifase. Il ponte raddrizzatore a diodi è l’elemento responsabile della rettifica della corrente di uscita dell’alternatore (poiché si alterna) facendolo diventare continuo e fattibile per l’uso in auto.

L’alternatore produce corrente alternata che ottiene attraverso un meccanismo di azionamento guidato da un motore a combustione. In altre parole, funziona perché è collegato alla rotazione del motore a combustione, di solito per mezzo di una cinghia. Quando mettiamo il contatto nel veicolo, la bobina del rotore dell’alternatore viene alimentata con corrente e quando il motore si avvia, inizia a generare energia.

Una volta avviato, il regolatore si autoalimenta con l’energia prodotta dall’alternatore. In questo caso, la luce del cruscotto si spegne e se non lo fa potrebbe significare l’assenza di corrente in uscita dall’alternatore.

E se si accende la luce nel cruscotto?

Se la luce lampeggia ovvero si accende e si spegne rapidamente e in modo irregolare è per via della mancanza di carica o perché stiamo ottenendo corrente alternata. Nelle auto moderne che regolano l’alternatore mediante un’unità di controllo elettronica, la luce del pannello viene accesa regolando l’unità di controllo e non è possibile effettuare la diagnosi con metodi tradizionali. In questo caso occorre ricorrere alla diagnosi per sapere cosa sta succedendo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

5 × quattro =