Auto diesel mild hybrid, quali comprare nel 2024

Nonostante le restrizioni riguardanti la circolazione dei veicoli diesel, queste vetture si contraddistinguono per comfort e tecnologia

Un sistema mild hybrid diesel efficiente integrato nel gruppo motopropulsore. Questa gamma di modelli spazia dalle berline alle station wagon, fino ai suv e offrono una variegata scelta che si adatta a diversi gusti e, mantenendosi all’interno della fascia premium del mercato medio-alto, è accessibile a una vasta gamma di budget.

Nonostante le restrizioni annunciate riguardanti la circolazione dei veicoli diesel, compresi quelli dotati di tecnologie di ultima generazione, queste vetture si contraddistinguono per il loro comfort, la tecnologia di bordo e, soprattutto, le prestazioni che nel lungo periodo offrono vantaggi e opportunità per i conducenti.

Volvo V60

Entro il 2030, Volvo ha l’obiettivo di orientarsi esclusivamente verso la commercializzazione di veicoli totalmente elettrici. Al momento all’interno della gamma dei veicoli prodotti e offerti dal costruttore svedese, troviamo ancora Volvo V60 Cross Country B4, equipaggiata con un sistema mild hybrid diesel. Si tratta di un modello a trazione integrale da 197 CV, dotato di un cambio automatico e di un propulsore termico accoppiato a un motore elettrico ausiliario di dimensioni ridotte.

Secondo quanto comunicato dalla casa automobilistica, questo veicolo offre un consumo di carburante nel ciclo combinato Wltp pari a 5.9 l/100 km, con un’efficienza di emissioni di CO2 pari a 155 g/km. Il modello è disponibile negli allestimenti Core, Plus ed Ultimate, con un prezzo di partenza di 56.400 euro.

Kia Sportage

Nel 2018, con il lancio della quarta generazione del rinomato modello, Kia Sportage ha introdotto per la prima volta il sistema mild-hybrid diesel da 48 volt. Questa tecnologia è stata implementata nel modello 1.6 Crdi da 160 CV. Secondo le specifiche dichiarate dal produttore coreano, nel ciclo combinato Wltp, il consumo medio è di 4.7 l/100 km, con emissioni di CO2 combinate pari a 130 g/km.

Per quanto riguarda le dimensioni, il suv compatto mantiene una lunghezza di 4.485 mm e un passo di 2.670 mm, con una larghezza di 1.855 mm e un’altezza di 1.635 mm. Il prezzo di partenza è di 34.400 euro per la versione Business a trazione due ruote, mentre con cambio automatico sale a 36.400 euro. La gamma Gt-Line inizia con la versione a trazione due ruote e cambio manuale, disponibile a 36.950 euro, mentre con cambio automatico il prezzo è di 41.650 euro. Per la versione a trazione integrale con cambio automatico il prezzo parte da 43.650 euro. Esistono anche due versioni con cambio automatico nella gamma Gt-Line+, con opzioni a trazione due ruote (45.150 euro) e trazione integrale (47.150 euro).

Hyundai Tucson

Il suv Hyundai Tucson 1.6 Crdi è equipaggiato con un motore termico 4 cilindri in linea e 16 valvole Dohc, che presenta una cilindrata di 1.598 cc. Il propulsore è accoppiato a un sistema mild-hybrid diesel a 48 volt. Questo modello, disponibile negli allestimenti Xtech, Xline, Exellence, N Line e N Line+, è offerto anche con una configurazione a trazione due ruote e una potenza di 136 CV.

Secondo le specifiche fornite dal costruttore coreano, il consumo di carburante nel ciclo combinato Wltp varia da 5.4 a 4.2 l/100 km. Il prezzo di partenza è di 34.650 euro, mentre la versione N Line+ più performante raggiunge i 38.600 euro.

Bmw X1

Bmw X1 20d rappresenta il vertice della gamma dei veicoli prodotti e commercializzati dalla casa automobilistica tedesca, caratterizzato dalla presenza di un sistema mild hybrid diesel. Questo suv vanta dimensioni di 4.500 mm in lunghezza, 1.845 mm in larghezza e 1.642 mm in altezza, con un passo di 2.692 mm. Il bagagliaio offre una capacità di partenza di 500 litri. La propulsione è affidata a un motore da 163 Cv, con una cilindrata di 1.995 cc, associato alla tecnologia 48V che sfrutta un motore elettrico ausiliario.

Secondo le specifiche dichiarate dalla casa automobilistica di Monaco di Baviera, i consumi nel ciclo combinato Wltp sono di 4,8 l/100 km, con emissioni di CO2 pari a 127 g/km. Il prezzo di partenza per la versione dotata di cambio automatico a sette rapporti con doppia frizione è di 48.600 euro, mentre per quella con cambio automatico e leve al volante è di 48.870 euro.

Audi Q5

Il mercato italiano del suv Audi Q5 4.0 Tdi offre sei diverse configurazioni: Q5, Business, Business Advanced, S Line, S Line Plus e Identity black. Questo modello è equipaggiato con un propulsore diesel mild hybrid, caratterizzato da un motore a 4 cilindri in linea da 1.968 cc, con sistema di iniezione Common Rail e turbocompressore a gas di scarico. Il motore elettrico supplementare porta la potenza massima a 204 Cv. Il veicolo raggiunge una velocità massima di 222 km/h, con un’accelerazione da 0-100 km/h in 7,6 secondi.

Secondo le specifiche del ciclo combinato Wltp fornite dal produttore, i consumi dichiarati oscillano tra 7,1 e 6,4 l/100 km, con emissioni di CO2 comprese tra 187 e 168 g/km. La lunghezza del veicolo è di 469 cm, analogamente alla versione Sportback, mentre la capacità del bagagliaio parte da 465 litri. Il prezzo di partenza per l’allestimento Q5 è di 59.400 euro, mentre la versione Identity black raggiunge i 72.285 euro.

Articolo precedenteAmpere, ecco la svolta elettrica di Renault: 7 nuove auto in arrivo
Prossimo articoloGoogle Maps tra miglioramenti e integrazioni: cosa cambia per le auto e non solo