Assicurazioni auto a rate: quali le proposte delle compagnie assicurative più note

A causa della crisi molte compagnie cercano un rilancio attraverso offerte e agevolazioni, come le assicurazioni auto a rate. Vediamone alcune.

assicurazione rc auto

LA SCELTA OBBLIGATA – Come accaduto per moltissimi mercati anche quello delle polizze assicurative ha vissuto una forte contrazione a causa della forte crisi economica degli ultimi anni. Diretta conseguenza di questa contrazione è stata la scelta, abbastanza forzata, di molte compagnie assicurative di cercare un rilancio del mercato attraverso una serie di offerte e agevolazioni, tra queste c’è la rateizzazione del premio assicurativo, spesso garantita a tasso zero.
Chiaramente la scelta delle assicurazioni auto a rate va letta come il tentativo da parte delle compagnie tanto di recuperare i clienti in affanno, quanto di conquistarsi un target specifico: quello dei conducenti di veicoli che circolano senza assicurazioni, quasi 4 milioni.

LE OFFERTE – La nuova offerta di Unipol (FondiariaSai, Milano Assicurazioni e Unipol), per esempio, si distracca dalla altre per la possibiltà di usufruire della rateizzazione del premio in 10/11 rate, con Tan e Taeg senza tassi d’interesse, ne’ costi di commissione. Dieci per chi paga la polizza semestralmente, undici per i vecchi clienti che pagano quella annuale.
Quasi la stessa agevolazione,10 rate a tasso zero, è quella proposta da Genertel, per usufruirne però sarà necessario richiedere Genertel Visa, una carta di credito che prevede costi di gestione variabili a seconda degli acquisti effettuati: ad esempio, con la modalità revolving, per gli acquisti è previsto un interesse annuo superiore al 15%.
I clienti della banca Intesa San Paolo, hanno la possiblità di sottoscrivere la polizza ViaggiaConMe, che prevede pagamento della polizza RC auto rateizzato in 12 mensilità con tassi d’interesse pari a zero.
Con Genialloyd invece le rate sono 4, il TAN è al 9%, ed è necessario richiedere la Carta Viva Genialloyd, che prevede ulteriori costi di gestione in mancanza di un monte acquisti inferiore ai 600 euro annui.

Articolo precedenteIl SUV Maserati Levante ormai prossimo al debutto. Ecco la data di uscita
Prossimo articoloMaserati parte alla conquista dell’India

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here