Detrazione auto per disabili: a chi spettano e come gestire la vendita

Le detrazioni fiscali sono una risorsa importante per chi ha la necessità di acquistare o manutenere un veicolo realizzato per disabili

Come è facile dedurre le detrazioni fiscali relative al settore auto spettano alle persone con disabilità, ma secondo la legge ne possono usufruire anche i familiari, usualmente uno, che sostiene la spesa del veicolo. Il soggetto in questione deve necessariamente avere in carico fiscalmente la persona disabile per poter usufruire della vettura.

Tale condizione permette alla persona affidataria di intestare l’automobile indifferentemente al disabile o a se stessa. Per non incorrere in problematiche burocratiche e disguidi amministrativi è consigliabile intestare la vettura alla persona disabile, a meno che non sia impossibilitata completamente alla guida.

Manutenzione straordinaria auto per disabili

Preso atto delle detrazioni fiscali generiche e di coloro che ne possono beneficiare è opportuno analizzare gli aspetti legati alla manutenzione straordinaria della vettura per disabili. Oltre alla detrazione per l’acquisto di un veicolo adatto per i disabili è possibile richiederla anche per le spese di riparazione. In questo contesto vengono escluse le spese di manutenzione ordinaria e vengono inserite solo quelle di manutenzione straordinaria.

Non rientrano in questa specifica categoria interventi come il cambio dell’olio, il carburante o il premio assicurativo. Aspetto essenziale della detrazione fiscale sugli interventi di manutenzione straordinaria è l’impossibilità di dividere la detrazione in più rate (quattro rate per la precisione). La rateazione non è quindi un’opzione disponibile nel modulo per le spese.

Anche per le spese di manutenzione straordinaria è opportuno fare attenzione ai vincoli, vediamo quali.

Temporale: le spese sostenute devono avvenire entro quattro anni dalla compera del veicolo e non oltre.

Limite di spesa: superata la cifra di 18.075,99 euro non sarà più possibile scalare le spese sostenute per la manutenzione del veicolo per disabili.

La vendita del veicolo

In molti casi potrebbe esserci la necessità di vendere il veicolo adattato o costruito per i disabili, anche in questo caso è possibile usufruire di detrazioni fiscali. Ciò può avvenire prima che siano trascorsi due anni dalla compera dell’automobile e la detrazione viene calcolata dal rapporto tra l’imposta in assenza dell’agevolazione e l’imposta dall’applicazione dell’agevolazione.

Le detrazioni fiscali sono una risorsa importante per chi ha la necessità di acquistare o manutenere un veicolo realizzato per disabili. La percentuale del 19% sull’acquisto e una manutenzione straordinaria fino a 18075,99 euro sono valori su cui bisogna puntare per ottimizzare le spese.

La rateazione dell’acquisto non è presente nelle spese per le detrazioni di manutenzione; quindi, è necessario porre attenzione a questo particolare in caso di costi di gestione particolarmente alti.

Articolo precedenteDS 9 E-Tense 250 tra prestazioni, tecnologia ed eleganza
Prossimo articoloSuv coupé 2022: i migliori modelli da scegliere per qualità e prezzo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here