Auto elettriche, nuove formule per la ricarica

L'accordo tra Hyundai e Ionity consente ai clienti della casa coreana di avere vantaggi economici per la ricarica alle colonnine della rete europea ad alta velocità

Due pacchetti Ionity riservati ai clienti Hyundai in Europa. La proposta è quella che la casa coreana farà ai proprietari di veicoli elettrici Hyundai se scelgono di ricaricare all’interno della rete Ionity ovvero il principale network europeo di ricarica ad alta potenza aperta a tutti i veicoli elettrici.

Hyundai-Ionity, l’intesa

Introducendo il pacchetto Ionity Premium, Hyundai ha infatti riservato un canone mensile di 13 euro, ai propri clienti che potranno beneficiare di una tariffa agevolata presso i punti di ricarica dell’operatore, pari a 0,29 euro per kWh nei mercati europei. Presentato anche il pacchetto Lite, disponibile a partire dal 25 gennaio 2022.

I clienti Lite avranno accesso a una tariffa di ricarica ridotta pari a 0,52 euro per kWh alle stazioni Ionity, con un canone mensile di 4,50 euro. Entrambi gli abbonamenti Ionity hanno una durata di 12 mesi e non prevedono il rinnovo automatico. “Stiamo mettendo al primo posto le esigenze dei nostri clienti e rendendo più conveniente che mai possedere un modello eco-sostenibile”, ha detto Andreas-Christoph Hofmann, Vice President Marketing and Product di Hyundai Motor Europe.

Enel e A2a: l’unione aiuta la ricarica

Enel, attraverso la nuova global business line dedicata alla mobilità elettrica (Enel X), e A2a hanno siglato un accordo che permetterà ai clienti dei servizi di e-mobility di accedere alla rete di circa 15mila punti di ricarica delle due aziende su tutto il territorio nazionale.

“L’accordo con A2a dimostra come grazie alla collaborazione tra i vari operatori sia possibile ampliare la disponibilità di infrastrutture di ricarica per auto elettriche”, ha dichiarato Elisabetta Ripa, responsabile della global business line di Enel dedicata alla mobilità elettrica.

“Sostenere l’elettrificazione dei consumi, rendendo disponibili infrastrutture e servizi al cliente, è uno dei punti cardine della strategia di A2a, in linea con il piano industriale al 2030” commenta Fabio Pressi, amministratore delegato di A2a e-mobility.

La partnership permetterà agli utenti che utilizzano le app E-moving di A2a e JuicePass di Enel, di fare il pieno di energia alla propria auto elettrica indistintamente presso le infrastrutture di ricarica pubbliche delle due aziende.

Si tratta, secondo una nota congiunta dei due gruppi, “delle migliori tecnologie di ricarica presenti sul mercato”: caricatori Quick da 22 kW, Fast fino a 50 kW e gli High Power Charger che grazie a una potenza che arriva a 350 kW consentono di ricaricare l’80% del veicolo elettrico in circa 20 minuti. La morale, alla fine, è sempre la stessa: l’unione fa sempre l’energia.

Articolo precedenteDS 4 è l’auto più bella del 2022 secondo il Festival Internazionale dell’automobile
Prossimo articoloVolkswagen T-Roc vs Skoda Karoq: restyling a confronto

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here