Toyota Aygo, auto per la città dal basso consumo aspettando la nuova versione

Toyota ha confermato l'intenzione di realizzare la Aygo di terza generazione. Solo elettrica?

Se c’è qualcosa che non manca a Toyota Aygo è la personalità. Alcune delle soluzioni adottate dalla casa automobilistica giapponese sono differenti rispetto ad altre city car. Pensiamo ad esempio ai fari e alle prese d’aria nella parte anteriore che finiscono per formare figure triangolari e insieme ai grandi fanali verticali del piccolo portellone in vetro posteriore, fanno di questa auto per la città un modello decisamente originale.

Ad alimentarla ci pensa il motore 3 cilindri da 998 cm3 con 72 CV. Punto di forza è decisamente il consumo contenuto, tenendo conto che per percorrere 100 chilometri sono sufficienti 4,1 litri di carburante.

Tutto sulla city car Toyota Aygo

Pollice in su per la maneggevolezza di Toyota Aygo, considerando che siamo davanti a un’auto facile da guidare, silenziosa e confortevole. I sedili sono comodi e regolabili e l’abitabilità è buona. Non tutto è evidentemente perfetto se il bagaglio ha una capacità ridotta di 184 litri. In fondo questa è una city car pensata per i rapidi e agili spostamenti in città e non per lunghe percorrenza con bagagli al seguito.

Da segnalare che la dotazione di sicurezza si compone di sei airbag, frenata automatica di emergenza, avviso in caso di uscita involontaria dalla corsia, controllo elettronico della stabilità e trazione. Qualunque sia la versione scelta sono disponibili anche il climatizzatore manuale, gli specchietti regolabili elettricamente e la radio col Bluetooth.

La nuova versione sarà solo elettrica?

In prospettiva e a testimonianza dell’interesse verso questo segmento di mercato, Toyota ha confermato l’intenzione di realizzare la Aygo di terza generazione. In questo momento Aygo è l’unico modello del marchio venduto in Europa senza un’opzione ibrida. Ecco dunque che la casa automobilistica giapponese potrebbe ripensare l’auto e renderlo elettrica, ben sapendo che gli acquirenti la fanno propria per muoversi in un ambiente urbano.

Di più Toyota non sarebbe la prima casa automobilistica a rendere completamente elettrica la sua city car. Già Peugeot e Citroen hanno già annunciato che le future city car saranno elettriche e la stessa strategia dovrebbe essere seguita in via esclusiva da Volkswagen con la prossima generazione di up! così come con Skoda Citigo e Seat Mii.

A ben vedere siamo di fronte a due mercati per l’elettrico estremamente diversi sulle sponde opposte dell’Atlantico. Negli Stati Uniti, quasi tutti i nuovi veicoli elettrici sono crossover e berline mentre l’Europa sta introducendo piccoli veicoli elettrici a basso costo. A contribuire a questo cambiamento di prospettive è lo standard sulle emissioni Euro 6d Temp in scadenza a settembre del prossimo anno sta aprendo la strada ai veicoli elettrici.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

quindici + 8 =

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.