Porsche 911 Targa 4 GTS, bellezza e potenza fuori del comune

La velocità massima è di 301 chilometri orari

La perla di Porsche è la 911 Targa 4 GTS. La denominazione nasce infatti dall’unione di due grandi classici della casa di Stoccarda: Targa e GTS. Il primo identifica la carrozzeria spider, il secondo sta per granturismo sportiva. Il risultato è una vettura all’avanguardia. Già dall’aspetto, la nuova 911 Targa 4 GTS mostra tutte le caratteristiche vincenti del brand Porsche: frontale possente, ampia parte posteriore, design perfezionato.

E vernice in colore rosso carminio che per la prima volta è disponibile come optional per i modelli 911, per valorizzare gli elementi dell’esterno in colore nero. Tipicamente GTS sono i fari principali Bi-Xenon in colore nero e di serie.

Muscoli e raffinatezza per Porsche 911 Targa 4 GTS 2019

La parte posteriore della 911 Targa 4 GTS, più larga di 44 mm rispetto alla 911 Carrera S, mostra un look ancora più muscoloso. Il lunotto è arrotondato. Il tetto Targa si apre o si chiude automaticamente a vettura ferma in 20 secondi. La fascia di raccordo luminosa fra le luci posteriori è realizzata con la moderna tecnica a Led. I cerchi da 20 pollici Turbo S di serie sono dotati di serraggio centrale e verniciati in colore nero satinato-lucido.

Su richiesta sono disponibili cerchi da 20 pollici Carrera S nel design a 5 razze in lega leggera. Entrambi fanno dell’aderenza al terreno e delle prestazioni in pista i loro punti di forza.

Porsche 911 Targa 4 GTS 2019, motori e prestazioni

I sedili sportivi Plus in pelle liscia e con fascia centrale in Alcantara, sono dotati di regolazione elettrica dello schienale e dell’altezza del sedile e di regolazione longitudinale meccanica. Sui poggiatesta non poteva che fare la sua comparsa la scritta GTS. Il pacchetto interni punta sui contrasti sportivi. Il carbonio è il materiale dominante sulle modanature del cruscotto, sulle porte e sul tunnel centrale.

Il motore boxer potenziato da 3,8 litri della nuova 911 Targa 4 GTS con iniezione diretta (DFI) e VarioCam Plus sviluppa 316 kW (430 CV) a 7.500 giri al minuto e raggiunge una coppia massima di 440 Nm a 5.750 giri al minuto. L’accelerazione da 0 a 100 chilometri orari si consuma in 4,3 secondi mentre la velocità massima è di 301 chilometri orari.

La trazione integrale si abbina a una frizione a lamelle a comando elettronico, al differenziale frenante automatico e allʼantipattinamento ASR. La frizione a lamelle distribuisce la forza motrice tra l’asse posteriore, sempre in trazione, e l’asse anteriore in base alle rilevazioni dei sensori riguardo alle accelerazioni longitudinale e trasversale e all’angolo di sterzata. Il cambio manuale è a 7 marce e un indicatore nel contagiri segnala quella selezionata. L’indicatore di passaggio alla marcia superiore nella strumentazione contribuisce a ridurre i consumi.

Il volante SportDesign dispone di due paddle in robusta lega leggera posti in posizione ergonomica rispettivamente dietro alle razze destra e sinistra del volante.

Come giudichi l'articolo?
[Totale: 1 Media: 5]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

tre + 10 =