Jeep Grand Cherokee 4xe vs Skoda Karoq: suv a confronto

Il mercato dei suv mette in vetrina due modelli di successo per le prestazioni, il design e le tecnologie a bordo per passeggeri e guidatore

Jeep Grand Cherokee 4xe rappresenta e un ulteriore tassello nella strategia di elettrificazione dell’intera gamma e consolida la sigla 4xe come autentico brand nel brand di Jeep: è il marchio che rappresenta il nuovo 4×4 che coniuga la proverbiale capability con una maggiore sostenibilità, efficienza esemplare e ancora più sicurezza e divertimento di guida.

L’applicazione della tecnologia ibrida plug-in 4xe su Jeep Grand Cherokee conferisce all’ammiraglia del marchio capability off road di riferimento grazie alla disponibilità istantanea di coppia, prestazioni eccezionali garantite dalla combinazione tra le due propulsioni, turbo benzina ed elettrica, e la possibilità di circolare a zero emissioni di CO2.

Quale suv scegliere tra Jeep Grand Cherokee 4xe e Skoda Karoq

La quinta generazione della Jeep Grand Cherokee presenta una nuova architettura, il sistema di propulsione ibrido plug-in 4xe, un nuovo design degli esterni e nuovi interni.

La prima Grand Cherokee ibrida plug-in sviluppa 380 Cv di potenza combinata e 637 Nm di coppia e offre sino a 51 km di autonomia elettrica in ambito urbano oltre a tre modalità di guida: hybrid, electric and e-save. Nuovo Skoda Karoq è subito riconoscibile per il frontale, rivisto nelle proporzioni tra cofano motore, calandra ampliata e nuovi gruppi ottici, che sono di serie in tecnologia full Led e che, a seconda delle versioni, possono vantare di serie o in opzione la tecnologia Matrix Led.

Tecnologia innovative per Jeep Grand Cherokee 4xe e Skoda Karoq

L’attenzione alla sostenibilità è evidenziata dal nuovo pacchetto Eco (optional) che elimina tutti i rivestimenti di origine animale. Skoda Karoq conferma la gamma di motorizzazioni benzina Tsi e Turbodiesel Tdi appartenenti alla generazione Evo, ottimizzati nel rendimento per ridurre consumi ed emissioni. Karoq benzina è disponibile con i motori 1.0 Tsi 110 Cv, 1.5 Tsi 150 Cv con disattivazione selettiva dei cilindri Act e 2.0 Tsi 190 Cv.

L’offerta Turbodiesel ruota intorno al 4 cilindri 2.0 Tdi, proposto nelle potenze di 115 Cv e 150 Cv. La trazione integrale 4×4 a controllo elettronico è proposta di serie sulla motorizzazione 2.0 Tsi 190 Cv ed è disponibile in opzione per tutte le versioni equipaggiate con il 2.0 Tdi 150 Cv, sempre in abbinamento al cambio Dsg a 7 rapporti.

Articolo precedenteVolkswagen Tiguan eHybrid: prova su strada del nuovo modello ibrido
Prossimo articoloValore di rivendita auto, come si calcola

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here