Benzina e diesel, dopo ferie rincari. Dove sono i prezzi più alti e modi per risparmiare

Maglia nera a Bolzano e Trento: un litro di diesel costa 1,589 euro

Ancora un ritocco verso l’alto dei costi di benzina e diesel. Il rialzo sorprende perché avviene subito dopo le ferie estivi, quando di solito si assiste a una tregua nella corsa agli aumenti da parte delle compagnie petrolifere. Ma i numeri parlano chiaro e sono quelli dell’Osservatorio prezzi del Ministero dello Sviluppo economico, secondo cui il prezzo medio della benzina al self service si è attestato su 1,634 euro al litro, 1,613 euro al litro alle pompe bianche, per il diesel 1,506 euro al litro, 1,488 euro al litro alle pompe bianche. Al servito va naturalmente peggio: 1,748 euro al litro per la benzina, 1,626 euro al litro per il diesel, 0,658 euro al litro per il Gpl e 0,963 euro al chilogrammo per il metano.

Maglia nera a Bolzano e Trento: un litro di diesel costa 1,589 euro. E se proprio non si può fare a meno di utilizzare l’auto, allora ci sono due strade di base per risparmiare sui costi del carburante. In prima battuta è buona cosa dosare il pedale dell’acceleratore, da associare a un cambio di marcia attento. Quelle più alte richiedono un minor consumo di benzina. Prima di salire a bordo per lunghi spostamenti in auto è utile controllare la pressione degli pneumatici. Il concetto è chiaro: i consumi di benzina aumentano con le gomme dell’auto sgonfie.

Come giudichi l'articolo?
[Totale: 0 Media: 0]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

cinque × 1 =