Volkswagen ID Vizzion: guida 100% autonoma

Ascesa alla più alto della scala. Niente volante, proietta la realtà virtuale.

Volkswagen ID Vizzion

Livello completato. Pareva un obiettivo irraggiungibile, quasi una chimera. Gli sforzi però non sono stati vani. Anzi. Al grado più alto della guida autonoma (il quinto), Volkswagen ID Vizzion è l’auto del futuro.

Volkswagen ID Vizzion: fari rivoluzionari

Osservandola da una prospettiva anteriore, il cofano motore estremamente piatto al centro e i parafanghi dalle forme omogenee, che si innalzano vistosamente verso i lati, ne affermano la dinamicità. Frontalmente, interagisce con l’ambiente circostante sotto forma di elementi luminosi attivi, in base alla situazione di guida. Avveniristici fari Matrix (8.000 pixel luminosi), proiettano, davanti alla vettura, simboli e visualizzazioni. Il tetto, in stile coupé, evoca invece la dinamica di una vettura sportiva. Per quanto riguarda le fiancate, lo sguardo scorre senza soluzione di continuità all’altezza della vita stretta, si lascia catturare dalle forme robuste dei parafanghi, dall’elegante linea del tetto, dagli sbalzi ridotti, oltre che dall’imponente zona della spalla. Mentre porte ad armadio agevolano al massimo l’accesso a bordo, senza il montante centrale. Il cofano del bagagliaio è sostituito da un portellone ad azionamento elettrico che, sollevandosi verso l’alto, svela un bagagliaio da 565 litri particolarmente spazioso.

Volkswagen ID Vizzion: adattamento automatico al passeggero

Grazie alla All-new Electric Architecture e all’asse anteriore spostato in avanti, i passeggeri possono godere di un abitacolo – l’Open Space – estremamente spazioso. Atmosfera di relax e benessere, a cui contribuisce anche l’impiego di materiali pregiati come pelle conciata al vegetale (in colore “Saint Tropez”) e legni non trattati provenienti da piantagioni sostenibili. Quattro sedili integrali perfettamente ergonomici si adattano automaticamente al rispettivo passeggero, identificandolo mediante il confronto biometrico del riconoscimento facciale oppure attraverso dispositivi elettronici (come smartphone) e richiamare successivamente le ultime impostazioni memorizzate nel cloud tramite il nuovo ID Volkswagen.

Volkswagen ID Vizzion: reale e virtuale si fondono

Avvalendosi di scanner laser, sensori a ultrasuoni e radar, telecamere, sia anteriori che posteriori, oltre a telecamere Area-View tutti interconnessi tra loro, è in grado di rilevare l’ambiente che la circonda. I passeggeri interagiscono con un assistente virtuale mediante comandi gestuali e vocali, che risponde, in modo predittivo, anche a una serie di eventi. L’HoloLens ricrea la realtà virtuale nello spazio reale. Richiama diversi scenari, tra cui la modalità Learning che permette ai più piccoli di richiamare giochi e app didattiche.

Volkswagen ID Vizzion: l’alba dell’auto driverless

Attivabili a bordo tre differenti modalità di viaggio: Relax, Active e Family.  La collocazione della batteria agli ioni di litio (111 kWh) riduce gli ingombri e abbassa il baricentro, oltre ad assicurare una ripartizione ideale del peso. Collegati all’asse anteriore e posteriore, i due motori elettrici sviluppano una potenza di sistema di 225 kW. Questa architettura consente fino a 665 km di autonomia, con batteria completamente carica.

 

Come giudichi l'articolo?
[Totale: 0 Media: 0]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

5 + 13 =