Piano non andava già prima, ma la rivisitata Bentley Bentayga sembra uscire da qualche progetto aerospaziale, pronta per essere mandata in orbita.

ALLA CITTA’ DEGLI ANGELI

I tuner tedeschi di Mansory coltivano ancora la passione per le auto tedesche, con un’ultima creazione votata al lusso, al comfort ma anche alla sportività. Il grosso 4×4, presentato ufficialmente durante il SEMA di Las Vegas (1–4 novembre), ha subìto profonde modifiche a livello aerodinamico. Rivisto ad esempio rivisto il frontale, con una calandra maggiorata realizzata in fibra di carbonio (stesso materiale del cofano motore). Completamente rinnovato il paraurti, con prese d’aria allargate sviluppate su due livelli orizzontali e integrano nuove luci diurne a LED. Sulla fiancata spicca l’estensione del badge “B”, che la solca per quasi tutta la lunghezza dello sportello anteriore. Vistosa in basso la minigonna, che ben si raccorda ai parafanghi maggiorati.

STESSO MOTORE, MAGGIORE POTENZA

Doppio lo spoiler aggiunto al posteriore. Il primo, quello sopra al lunotto, è una vera e propria ala che avvolge il vetro fino ai lati. Il secondo, appena accennato, è un’appendice di carbonio che sta alla base del lunotto. L’auto appare visivamente più larga. Nella parte inferiore spiccano, a parte il grosso estrattore, i doppi scarichi firmati Mansory. Immensi i grossi cerchi da 23 pollici. Cura nei dettagli avuta pure per gli interni. Nuova la pelle per i rivestimenti, nuovi i pedali, nuova la forma del volante. Battitacchi in carbonio con il logo dell’azienda, quest’ultimo compare anche sui sedili beige. La stessa colorazione che avvolge tutto l’abitacolo, per un compromesso fra lusso e dinamicità. Sotto il cofano giace lo stesso 6.0 biturbo da dodici cilindri della versione “standard”, ma adesso eroga fino a 691 CV (anziché 600) e raggiunge 1050 Nm di coppia massima. Velocità massima dichiarata di 311 km/h.

Come giudichi l'articolo?
[Totale: 0 Media: 0]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

2 × 2 =