BYD Dolphin all’assalto del mercato europeo

Dolphin è dotato della tecnologia Vehicle-to-Load che permette di alimentare dispositivi esterni fino a 3 kW

BYD Dolphin

BYD, tramite il suo modello Dolphin, sta conquistando il nucleo del mercato europeo con un veicolo di segmento C completamente elettrico, con una lunghezza di 429 centimetri, equiparabile a quella della VW Golf. Questa auto si colloca strategicamente a metà strada tra un MPV e un crossover, evidenziando una vocazione urbana e offrendo un favorevole rapporto tra qualità e prezzo.

BYD Dolphin da 30.000 euro

BYD Dolphin è una vettura completamente elettrica con un prezzo di trentamila euro, esclusi gli incentivi. Posizionato come modello di ingresso nella gamma, precedendo Atto3, Seal e Han, il veicolo è sviluppato da un costruttore con 600.000 dipendenti e 90.000 ingegneri. BYD è specializzato in batterie di vario genere, dal Motorola StarTAC al Nokia 3310 alla fine degli anni 90, fino agli accumulatori per autoveicoli. Nel 2023, BYD è stato il primo produttore mondiale di veicoli elettrici, inclusi ibridi plug-in.

Il design del Dolphin è curato da Wolfgang Egger, noto per Alfa Romeo 8C Competizione, con esperienze come capo del design Audi (e Lamborghini) fino al 2013, prima di entrare in BYD nel 2016. La vettura offre un ricco set di sistemi di assistenza alla guida, oltre all’architettura e-Platform 3.0, base di tutti i modelli della gamma, e batterie Blade. Le batterie al litio-ferro-fosfato sono preferite per la loro affidabilità, stabilità termica fino a 60 gradi e capacità di sopportare 5.000 cicli di ricarica e scarica complete, teoricamente corrispondenti a circa 200.000 chilometri.

Dolphin è dotato della tecnologia Vehicle-to-Load che permette di alimentare dispositivi esterni fino a 3 kW, come macchinette del caffè o l’alimentazione di una casa tramite un adattatore dedicato. Il bagagliaio offre una capacità limitata, variando da 345 a 1.310 litri. L’abitabilità è evidente, adatta per quattro persone e accettabile per cinque, con spazi superiori nella prima e seconda fila grazie al passo di 270 centimetri. La qualità generale è positiva, con un assemblaggio ben realizzato e una combinazione di rivestimenti morbidi e rigidi per contenere i costi.

Il veicolo presenta un cruscotto digitale con uno schermo da 7 pollici e un display centrale da 12,8 pollici, rotante di 90 gradi da orizzontale a verticale. Il selettore di marcia è posizionato appena sotto, nel pannello dei comandi, facilmente raggiungibile con la mano destra. Le batterie sono disponibili in due dimensioni: 44,9 kWh per un’autonomia dichiarata di 310 km, abbinata a motori anteriori da 70 kW (95 CV) nella versione Active a 30.780 euro, e 60,4 kWh per un’autonomia di 427 km nelle versioni Comfort (35.790 euro) e Design (37.790 euro), abbinata a un motore da 150 kW (204 CV).

Autonomia e ricarica della BYD Dolphin

Viaggiare con la ricarica in colonnine ad alta potenza è facile con BYD Dolphin, con una capacità massima di 88 kW che consente di raggiungere dal 30% all’80% di carica in soli 29 minuti. La versione equipaggiata con un motore da 204 cavalli dimostra dinamismo su strada. L’accelerazione da 0 a 100 km/h richiede appena 7 secondi, con riprese decisamente pronte. La versatilità del veicolo è evidente, poiché il peso di 1.650 kg non compromette l’agilità. BYD Dolphin è concepito principalmente per l’ambiente urbano, mantenendo un atteggiamento potente ma controllato su percorsi misti. La sua natura non è orientata verso la guida sportiva ad alte prestazioni e offre un assetto morbido, focalizzato sul comfort, per consentire una circolazione serena e confortevole.

A partire dalla versione Boost, l’asse posteriore presenta uno schema multilink che migliora ulteriormente le caratteristiche dinamiche del veicolo. Il silenzio di marcia è notevole e ben bilanciato con la capacità di assorbire le irregolarità della strada. L’autonomia effettiva con la batteria da 60,4 kWh si avvicina ai 350 chilometri, un valore sostanziale per un utilizzo prevalentemente urbano, sebbene non ancora considerato un range universale.

Articolo precedenteMcLaren Solus GT: supercar dalla massima potenza e agilità su strada
Prossimo articoloAuto ibride, come fare a ricaricare la batteria