Renault Captur 2024, le alternative per caratteristiche e prezzo

Tra i crossover più interessanti sul mercato c'è senza dubbio Renault Captur 2024, ma non mancano alternative di valore

suv alternativi

Renault Captur presenta una ricca gamma di opzioni propulsive, includendo motorizzazioni a benzina, sistemi bifuel a Gpl e tre differenti versioni ibride. La progettazione di questa varietà di propulsori mira a garantire elevate prestazioni in termini di efficienza e piena conformità alle normative ambientali vigenti. L’abitacolo del veicolo si distingue per la sua spaziosità e l’attenzione ai dettagli, con materiali di alta qualità e un design ergonomico che mira a migliorare l’esperienza di guida e il comfort dei passeggeri.

Nel comparto motori, sono disponibili diverse opzioni. Tra queste, il propulsore a benzina a tre cilindri da 1.0 litri e 91 CV, con la possibilità di funzionamento a Gpl, il quale incrementa la potenza di 10 CV.

Proposto un sistema ibrido leggero da 140 CV e due varianti ibride che utilizzano un motore aspirato da 1.6 litri: la versione standard e la variante E-Tech Plug-in ricaricabile, che eroga una potenza complessiva di 159 CV e dispone di una batteria da 9,8 kWh. Il prezzo iniziale di questo veicolo è di 22.000 euro. Andiamo alla ricerca di alternative tra:

Ford Puma

La dinamica di guida di Ford Puma si contraddistingue per un’accelerazione reattiva e una stabilità in curva, contribuendo in modo significativo alla percezione di sicurezza del conducente. Il sistema di assistenza alla guida, incluso in tutte le versioni, offre un ampio ventaglio di funzionalità, tra cui il riconoscimento dei segnali stradali, il mantenimento della corsia e il sistema di frenata automatica d’emergenza.

Il bagagliaio presenta un ampio spazio di carico, integrato da un pozzetto aggiuntivo da 80 litri situato al di sotto del piano di carico principale.

Alcune delle interfacce utente e i comandi potrebbero non essere immediatamente evidenti, aumentando il potenziale rischio di distrazione durante la guida. Il motore a benzina a tre cilindri potrebbe generare un livello di rumore che potrebbe risultare invadente. Il prezzo base è di circa 27.000 euro.

Dacia Duster

Dacia Duster è caratterizzata dalla sua convenienza, basata sulla dotazione e la qualità dei materiali utilizzati, indipendentemente dalla scelta del motore. La presenza di un’ampia gamma di accessori la rende un’opzione interessante per chi è alla ricerca di equilibrio tra comfort, prestazioni e convenienza economica. L’abitacolo offre uno spazio generoso e ben organizzato, garantendo comfort sia per i passeggeri anteriori che per quelli posteriori. Il vano di carico è ampio, consentendo il trasporto di volumi di grandi dimensioni senza restrizioni. L’implementazione di innovazioni tecnologiche e lo sforzo dedicato alla ricerca e sviluppo hanno contribuito a migliorare la precisione dello sterzo del Dacia Duster, superando le carenze riscontrate nelle versioni precedenti.

Dacia Duster presenta alcune carenze in termini di usabilità e comfort. Gli innesti del cambio manuale risultano poco fluidi e morbidi, richiedendo una maggiore forza e precisione da parte del conducente. Le vaschette sulla plancia del veicolo presentano una forma poco sagomata e profonda, il che potrebbe causare la caduta di oggetti riposti in esse durante la guida, specialmente durante curve o manovre brusche. Il prezzo di partenza è di 17.000 euro.

Toyota Yaris Cross

Toyota Yaris Cross è una vettura compatta basata sulla piattaforma TNGA-B, condivisa con la Yaris, caratterizzata da dimensioni di 418 cm in lunghezza, 177 cm in larghezza e 156 cm in altezza. Il suo design presenta una linea sportiva, evidenziata da un parabrezza e un lunotto inclinati, fiancate robuste e tratti distintivi che conferiscono una sensazione di solidità strutturale.

Sotto il cofano, il veicolo è equipaggiato con un sistema di propulsione ibrido composto da tre elementi che operano in sincronia: un motore a benzina da 1.5 litri con una potenza di 91 CV e due motori elettrici integrati nella trasmissione e-CVT, alloggiati sull’asse anteriore. Nella configurazione AWD-i 4×4, si aggiunge un’unità elettrica supplementare per le ruote posteriori, mantenendo una potenza totale del sistema di trazione di 116 CV.

Il sistema multimediale della Yaris Cross è sofisticato e offre una vasta gamma di funzionalità. La dotazione di sicurezza è completa e comprende dispositivi come un head-up display e un airbag centrale collocato tra il guidatore e il passeggero, migliorando ulteriormente la protezione degli occupanti in caso di collisione. Il bagagliaio vanta una capacità di carico di 390 litri, garantendo ampio spazio per il trasporto di bagagli e altri oggetti.

Per quanto riguarda il prezzo di listino, la versione base è disponibile a un costo di circa 27.000 euro.

Jeep Renegade

Jeep Renegade offre un ampio spazio interno in proporzione alle sue dimensioni esterne, garantendo un equilibrio ottimale tra comfort e praticità. Il volume del bagagliaio raggiunge i 351 litri, con la possibilità di estenderlo fino a 1.297 litri mediante la ripiegatura dei sedili posteriori. Nelle versioni plug-in, va notato che la capacità del bagagliaio subisce una riduzione di 20 litri a causa del convertitore necessario per la ricarica della batteria al litio del sistema ibrido.

Sul fronte delle prestazioni su strada, Jeep Renegade offre un piacevole livello di comfort, sebbene le sospensioni possano risultare leggermente rigide su superfici stradali non perfettamente lisce. Durante la guida ad alta velocità, possono essere riscontrati alcuni rumori aerodinamici, principalmente dovuti alla forma squadrata della carrozzeria.

La versatilità offerta dal sistema di trazione varia in base alla versione del veicolo. Le varianti a trazione anteriore sono ottimali per un utilizzo su strade asfaltate, mentre le versioni ibride 4xe offrono una maggiore versatilità grazie al motore elettrico posteriore da 61 CV, che abilita la trazione integrale. Questa caratteristica è particolarmente evidente nella versione specializzata Trailhawk, che presenta piastre in acciaio per la protezione del sottoscocca, paraurti migliorati negli angoli di attacco e di uscita, un’altezza di guida massima di 50 cm e una modalità di guida specifica per terreni rocciosi.

Le versioni plug-in, soprattutto quelle con una potenza complessiva di 241 CV, mostrano grinta nelle riprese. Il prezzo di partenza è di 23.000 euro.

Citroen C3 Aircross

Citroen C3 Aircross si caratterizza per l’ottimizzazione dello spazio interno, mirando a fornire un’esperienza di guida confortevole e rilassante sia per il conducente che per i passeggeri. La concezione di un ampio ambiente interno è stata realizzata attraverso un design intelligente e l’utilizzo di materiali di alta qualità, determinando un livello di abitabilità superiore alla media della sua categoria. Questa progettazione mirata contribuisce a un’esperienza di guida complessivamente più comoda e appagante.

Grazie al divano scorrevole con schienale regolabile nell’inclinazione, la vettura offre la possibilità di trasportare oggetti di grandi dimensioni, garantendo flessibilità e praticità.

Il sistema di climatizzazione è gestito attraverso comandi virtuali accessibili tramite lo schermo touch. Nonostante la tecnologia avanzata di questa soluzione, potrebbe presentare alcune sfide pratiche rispetto ai tradizionali comandi a rotella presenti su altri modelli della stessa categoria.

L’offerta motori per la Citroen C3 Aircross è piuttosto limitata, con l’assenza di versioni ibride che potrebbero risultare interessanti per i conducenti orientati all’efficienza energetica e alla sostenibilità ambientale. Il costo di partenza per la Citroen C3 Aircross è di circa 25.000 euro.

Articolo precedenteBonus revisione auto 2024 per rimborso costi non confermato: cosa comporta
Prossimo articoloAuto elettriche, come fare a trovare le stazioni di ricarica più vicine